Martedì, 16 Luglio 2024
Politica Castel Porziano / Via Litoranea

Chioschi ancora chiusi e spiagge invase dai rifiuti: ai "Cancelli" la stagione ancora non decolla

Il 21 luglio il presidente Falconi aveva annunciato: "Le spiagge del Lido di Castelporziano tornano pienamente fruibili". Però i chioschi, pur avendo ottenuto le autorizzazioni, restano ancora chiusi e le spiagge invase d'immondizia

Montagne di rifiuti, chioschi chiusi e nessuna possibilità di affittare ombrelloni e lettini. La situazione delle spiagge libere di Castel Porziano è ancora la stessa che si era registrata lo scorso maggio, all’inizio della stagione balneare.

Gli annunci disattesi

“Le spiagge del Lido di Castelporziano tornano pienamente fruibili” aveva annunciato, lo scorso 21 luglio, il presidente del municipio X Mario Falconi. “Da oggi - aveva aggiunto il minsindaco - possiamo comunicare ufficialmente che il lido di Castelporziano viene reso di nuovo pienamente fruibile per i cittadini, consentendo ai tanti lavoratori del settore del turismo e della ristorazione coinvolti di poter tornare a lavorare. Viene così di nuovo garantito alla cittadinanza non solo il legittimo uso di uno dei più suggestivi tratti di costa laziale, ma anche un giusto servizio per tutti coloro che vivono e animano le spiagge di Castelporziano”. Sembrava giunta quindi l’attesa svolta, ma da allora i cittadini che attendevano “un giusto servizio” sono rimasti delusi.

L'attuale situazione dei Cancelli

“Ma quando riaprono i chioschi” hanno chiesto a Romatoday alcuni utenti che, nel pomeriggio del 27 luglio, si sono recati al “quarto cancello”, trovando la solita situazione caratterizzata da cataste di rifiuti non raccolti e dall’impossibilità di poter acquistare bibite e gelati. Secondo l’amministrazione avrebbero dovuto già esserlo. E d’altra parte anche il 24 giugno il minisindaco, annunciando la firma della nuova concessione con la Capitaneria di porto, aveva dichiarato che ci sarebbero voluti pochi giorni, per riaprire i punti ristoro.

Altro che bandiera blu. Gualtieri ha reso il mare di Roma da bollino rosso

La concessione scaduta da 20 anni

Spezzando una lancia a favore dell’amministrazione, va detto che quella concessione era scaduta da 20 anni ed era tra le cause che avevano portato all’apposizione dei sigilli, ora rimossi, sui chioschi stessi. Al riguardo il presidente ha fatto sapere di aver “richiesto immediatamente la revoca del sequestro e la restituzione dell'area ai cittadini, atto che sancisce la consegna dei cinque chioschi e dell’area circostante”. Chioschi che, in forza del nuovo accordo con la Capitaneria, il municipio può legittimamente assegnare in subconcessione ai privati.

Una stagione mai decollata

Ma quanto ci vuole per il ritorno alla normalità, nelle spiagge di Castel Porziano? E' la domanda che continuano a ripetersi gli utenti che, dopo quasi tre mesi dall'avvio della stagione balneare, nutrono poche aspettative su un cambiamento in corsa. Dovrebbe essere “questione di giorni”, ma è una frase già ascoltata ed ampiamente disattesa. Potrebbe però questa essere la volta buona, perché i punti ristoro hanno finalmente ottenuto le autorizzazioni necessarie alla riapertura. Ad oggi, però, la stagione balneare ai "Cancelli" non è ancora decollata.

Una programmazione tardiva

“Finalmente i chioschi di Castel Porziano riapriranno, forse la prossima settimana, e i gestori si occuperanno anche della pulizia della preziosa spiaggia, ma intanto restano discariche diffuse che si sono formate tra la macchia mediterranea rimaste per mesi senza alcuna sorveglianza, che chiediamo vengano bonificate quanto prima -  ha commentato Andrea Bozzi, il capogruppo municipale di Azione .- La programmazione andava fatta molto prima e invece stanno cercando di rimediare ad agosto, a stagione inoltrata, a una gestione pessima delle spiagge”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chioschi ancora chiusi e spiagge invase dai rifiuti: ai "Cancelli" la stagione ancora non decolla
RomaToday è in caricamento