Sorrentino, Rocca (Fdi): "Cittadinanza esagerata"

"Operazione di facciata di Marino"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

Il Sindaco Marino, penultimo nella graduatoria dei sindaci d'Italia, tenta di rifarsi l'immagine aggrappandosi ai successi altrui. Non me ne voglia Sorrentino ma a dare qualcosa in più al suo film è stata la bellezza di Roma, quindi è la città ad aver dato e su questo è bene non invertire i ruoli, poiché, se il film fosse stato girato in un altro luogo sono certo che non avrebbe avuto lo stesso successo. Del film si è detto tanto, quindi mi asterrò da qualsiasi giudizio, ma ritengo la cittadinanza onoraria esagerata, un atto che trova giustificazione solo nella voglia di apparire di Marino che spera di ritirarsi su con questi mezzucci.

Lo dichiara Federico Rocca responsabile romano enti locali Fratelli d'Italia-Alleanza Nazionale.

La cittadinanza onoraria è una cosa seria e unica per Roma, viene conferita a persone che si sono contraddistinte per particolari meriti nella vita o a istituzioni che perseguono determinati fini. Concederla così vuol dire banalizzarla e farne perdere il valore stesso, pertanto, mi auguro che prevalga il buon senso e l'equilibrio sulle manie di protagonismo di Marino. Mi permetto di ricordare al Sindaco Marino alcune delle cittadinanze che concedemmo con la nostra amministrazione - conclude Rocca - nella speranza che rifletta e che comprenda per quali circostanza si è ritenuto opportuno concederle: al Presidente della Repubblica Giorgio Napoliano, al Dalai Lama, al giovane soldato israeliano Gilad Shalit, tenuto 5 anni prigioniero da Hamas, a Malala Yousafzai, la ragazzina pakistana ferita alla testa dai talebani per aver lottato per il diritto all'istruzione di tutte le bambine, alla tre Agenzie delle Nazioni Unite, la Fao, Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura, l'Ifad, Fondo internazionale per lo Sviluppo Agricolo e il Wfp, Programma alimentare mondiale

Torna su
RomaToday è in caricamento