rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Politica

La Social Card sbarca a Roma, 12 milioni di euro per 4 mila famiglie in difficoltà

La misura di sostegno economico è stata presentata dall'assessore alle Politiche Sociali Cutini. Per accedere almeno un minore a carico e massimo 3 mila euro di reddito Isee

Una sorta di carta di credito prepagata finanziata dallo Stato per le famiglie che si trovano in difficoltà economica. Anche a Roma arriva la Social Card. “Una bella notizia” ha commentato l'assessore alle Politiche Sociali Rita Cutini che ha presentato questa mattina presso la sala del Carroccio le modalità di accesso all'iniziativa. “Si tratta di una sperimentazione, diversa dalla Carta Roma, che punta a contrastare la povertà assoluta, in particolare quella che colpisce i minori, e quella che potremmo definire povertà lavorativa di chi, soprattutto in questo periodo di crisi economica, ha perso un impiego” ha spiegato Rita Cutini. Il progetto prevede infatti, oltre al sussidio economico, anche alcuni progetti di inserimento lavorativo. Non una realtà estranea alla Capitale “dove circa 30 mila bambini vivono in povertà”.

TUTTE LE INFORMAZIONI E I REQUISITI NECESSARI

L'iniziativa è di carattere nazionale, il finanziamento è stato stanziato a livello ministeriale. Per Roma sono stati stanziati 12 milioni di euro per un totale stimato di beneficiari in 4 mila famiglie. “La nostra preoccupazione è quella di diffondere il più possibile la notizia in modo tale da poter raggiungere tutti nuclei familiari che possono aver bisogno di questo strumento di sostegno economico” ha continuato l'assessore che ha puntualizzato come i requisiti di accesso, in primis un isee inferiore ai 3mila euro, “siano un po' restrittivi”. Tali caratteristiche però “non dipendono dal comune” che riceverà fino alla fine del prossimo mese le richieste. Obiettivo: “Inviare le prime carte entro l'estate del 2014”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Social Card sbarca a Roma, 12 milioni di euro per 4 mila famiglie in difficoltà

RomaToday è in caricamento