Mercoledì, 17 Luglio 2024
Politica Magliana / Largo Collodi

Lo skate park è tornato il regno degli zozzoni

Un anno fa l'ultimo intervento di bonifica e la sistemazione delle barriere anti zozzoni. Lanzi: "È un'area complicata, abbiamo anche provato a coinvolgere la scuola vicina"

Roma è sempre più la capitale dello skate. Da Colle Oppio ad Ostia, gli impianti di recente realizzazione, stanno portando la città ad essere sempre più spesso associata ad appuntamenti sportivi di risonanza internazionale. Di questa vetrina non beneficia però l’impianto presente a largo Collodi, alla Magliana. In quello spazio, gli sportivi continuano a fare i conti con il malcostume di quanti sono abituati a sversarvi rifiuti.

Aggirate le barriere anti zozzoni

Tra le rampe su cui si esercitano gli skater non è difficile imbattersi in carcasse d’elettrodomestici. Attualmente è presente un frigo, fanno capolino consistenti cataste di cartoni e sono state sistemate anche delle poltrone che avrebbero dovuto essere conferite, come quasi tutto il resto che lì è abbandonato, nella vicina isola ecologica di Corviale. “Lo scorso anno, di questo periodo, avevamo fatto eseguire ad Ama una grande bonifica e, con l’occasione, avevamo provveduto a sistemare delle barriere di cemento” ha ricordato il presidente Gianluca Lanzi. L’espediente anti zozzoni, però, non ha funzionato.

La proposta che arriva dall'opposizione

“Ormai non resta altro che mettere in atto una strategia: quella delle bonifiche continue è troppo onerosa per la comunità e non porta da nessuna parte – ha commentato il consigliere di Fratelli d’Italia Marco Palma, autore di un recente reportage fotografico – per Largo Collodi anni fa avevo proposto di includere l’area dello skate park all'interno del plesso scolastico che lì confina. Torno a formulare quella proposta, che potrebbe consentire all’area di essere recuperata e sottratta al degrado”.

Il tentativo di coinvolgere la scuola

L’opzione di interessare il vicino istituto comprensivo Sandro Onofri è in realtà stata percorsa dal municipio. “Avevamo chiesto alla dirigente scolastica, lo scorso anno, di valutare se fosse possibile mettere a servizio quello spazio per chi entra ed esce da scuola, ma la nostra proposta non è stata accolta” ha commentato il presidente del municipio XI Gianluca Lanzi.

La zona in cui lo skate park di Magliana è situato, fino a pochi anni fa, era una semplice rotatoria. “Quella è una zona particolare, che si trova all’estremità di un quartiere, a ridosso del viadotto della Magliana. Non ci va praticamente nessuno, se non quanti decidono di sversarvi dei rifiuti. Malcostume che persiste ma che, rispetto ad un anno fa, è diminuito – ha aggiunto il minisindaco – comunque torneremo a chiedere alla nuova dirigente scolastica se è interessata ad utilizzare quello spazio come area di sosta per chi entra ed esce da scuola”.

Un rilancio complicato

Difficile invece prevedere un rilancio dello skate park. Il rilancio internazionale che, grazie al Comune ed alla Federazione italiana sport rotellistici, sta vivendo il mondo dello skate romano, non sembra destinato a fare tappa anche a Magliana.
 

Skate park Magliana: il regno degli zozzoni. Foto di M.Palma

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lo skate park è tornato il regno degli zozzoni
RomaToday è in caricamento