Politica

Carceri, Garante Lazio: manca anche la carta Igienica

Difficile situazione nei carceri della regione. Secondo il Garante dei detenuti, oltra al cadlo e al sovraffollamento cominciano a scarseggiare i beni di prima necessità. Aumenta il rischio di malattie

Il Garante dei diritti dei detenuti Angiolo Marroni dichiara che "si fa sempre più difficile la vita quotidiana all'interno delle 14 carceri della Regione Lazio". Secondo Marrone, nei carceri laziali cominciano a verificarsi situazioni di difficile sopportazione infatti "nelle celle, oltre ai problemi legati al sovraffollamento e al caldo estivo, si soffre anche perché iniziano a scarseggiare i beni di prima necessità come, ad esempio, saponi e quant'altro, come la carta igienica, necessario alla cura dell'igiene intima".

Il Garante ricorda che i rinchiusi nel Lazio sono circa 6.200, oltre 1.600 in più rispetto alla capienza regolamentare. Nelle carceri di Cassino e di Civitavecchia i detenuti hanno raccontato ai collaboratori del Garante che sono ormai finite le scorte di carta igienica. Sempre a Cassino mancano ormai da giorni i prodotti per l'igiene intima forniti dall' amministrazione penitenziaria. "Ma in quasi tutte le strutture della Regione - spiega inoltre - si registrano problemi legati alla carenza di materiale di uso quotidiano, di scarsa igiene, con docce insufficienti e temperature altissime.
Secondo un recente studio, il costo medio giornaliero di ogni detenuto per l'Amministrazione penitenziaria è, oggi, di 113 euro contro i 152 del 2008. Di questi 113 euro, l'85% serve a pagare il personale, il 6% per cibo, l'igiene, assistenza e istruzione dei detenuti, il 10% per la manutenzione e il funzionamento delle carceri. "Abbiamo il timore - ha detto il Garante dei detenuti - che questa situazione, unita alla calura estiva e al sovraffollamento sempre più pesante, possa portare ad un peggioramento delle condizioni sanitarie nelle carceri, visto che la carenza di igiene personale fa aumentare, in parallelo, il rischio che aumentino i focolai di malattie da contatto, come la scabbia. Per questi motivi già nelle scorse settimane abbiamo contattato le direzioni delle carceri per suggerire l' adozione di alcune semplici misure per migliorare la vita di tutti i giorni come aumentare l'accesso alle docce e garantire la distribuzione di acqua potabile".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carceri, Garante Lazio: manca anche la carta Igienica

RomaToday è in caricamento