rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Politica

Le polemiche non fermano Marino: "Il 6 novembre andiamo a New York"

La proposta è stata lanciata dal sindaco all'assemblea dell'Acer: "Gli investitori ci guardano con interesse". Il Campidoglio anticipa le polemiche: "Il Campidoglio sarà presente, ma non il sindaco"

Prima la gaffe a Uno Mattina, "strumentale" per il Campidoglio, durante la quale ha 'corretto' le parole di Papa Francesco. Poi una battuta, accolta dal gelo dalla platea, con la quale ha preso la parola all'assemblea annuale dell'associazione dei costruttori romani, l'Acer: "Ringrazio la mia badante, il prefetto Franco Gabrielli". Infine il contrattacco alla trasmissione di La7 Piazza Pulita: "Farò il sindaco fino al 2023 e poi non voglio sapere più nulla di tutto ciò che ha a che fare con la politica". Bersagliato dall'ironia del web che per lui ha lanciato l'hashtag #marinoImbucato, corretto anche dai 'suoi', "il Papa come noto è infallibile" ha precisato Matteo Orfini, denunciato per diffamazione da Alfio Marchini per le sue parole a Uno Mattina, il sindaco Marino nell'ennesima giornata campale alle prese con le molteplici polemiche relative al suo ultimo viaggio a Filadelfia ha tentato di tenere dritta la barra della sua politica per Roma e ha lanciato l'idea di un nuovo viaggio per New York. 

La proposta è stata accennata nel corso dell'assemblea dell'Acer a un presidente che ha espresso tutta il suo disappunto per le "risorse inadeguate" investite in città. "Il terzo incontro che ho avuto a New York è stato con il presidente della Camera di Commercio che guarda con molto interesse a quello che si puà fare e investire nella nostra città" ha spiegato. "Ci chiede, e te ve lo chiedo, di preparare un gruppo di noi che vada lì il 6 novembre con proposte concrete di investimento nella nostra città". Poi ha cercato di rassicurare i presenti: "L'attenzione degli investitori internazioni nei confronti di questa città è alta". 

Qualche ora dopo la precisazione del Campidoglio: "In occasione del suo viaggio di lavoro negli Usa, il sindaco di Roma Ignazio Marino ha incontrato a New York il presidente della Camera di Commercio italoamericana, Alberto Milani, che ha invitato Roma Capitale a partecipare al 128esimo galà annuale, in programma il prossimo 6 novembre. Si tratta di un appuntamento importante per le realtà economiche statunitensi come per imprese italiane che operano su quel territorio. Per questo il Campidoglio sarà presente, rappresentato da una figura istituzionale che nei prossimi giorni il sindaco indicherà. Nessuno ha mai parlato di un viaggio del sindaco a New York in quell'occasione". 

Un nuovo viaggio, quindi, nonostante ancora ieri sera il primo cittadino ha dovuto chiarire in merito alle spese affrontate per l'ultimo viaggio a Filadelfia. "Domani mattina metterò tutti i miei scontrini di questi due anni di viaggi sul sito del Comune. Il sindaco della Capitale spende in media 773 euro al mese di spese di rappresentanza" ha spiegato nel corso di Piazzapulita. Poi ha ribadito il senso del suo ultimo viaggio: "Ho portato sicuramente a casa una mostra che era all'interno di un grande museo americano, un'altra mostra e ho una promessa da parte di alcuni mecenati. I soldi non ci sono, ma si sa come vanno queste cose". E ancora. "Ho passato una sola notte a New York perché ho incontrato una dozzina di mecenati".

Non è mancato il tempo per l'attenzione al sociale. Sempre a Piazza Pulita. A colpirlo la storia di Luca, un ragazzo tetraplegico, rimasto più di una volta bloccato nella stazione della metropolitana di Subaugusta per il malfunzionamento degli ascensori. "Come primo cittadino della capitale d'Italia mi umilia ascoltare questa sua storia. Le chiedo scusa. Le differenze create dalla società sono odiose e devono essere cancellate da chi gestisce la città". Poi ha aggiunto: "Ho trovato una situazione dal punto di vista economica disastrata. Nel prossimo bilancio abbiamo previsto 150 milioni di investimenti e daremo priorità agli interventi che puntano a migliorare la qualità di vita". 
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le polemiche non fermano Marino: "Il 6 novembre andiamo a New York"

RomaToday è in caricamento