menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Matteo Salvini, immagine d'archivio

Matteo Salvini, immagine d'archivio

Salvini fa il pieno di sindaci in provincia di Roma: in quattro passano alla Lega

"La Lega cresce ogni giorno" commenta il senatore. "Tra pochi mesi, per la gioia dei cittadini romani daremo lo sfratto anche alla Raggi"

Quattro sindaci di piccoli centri urbani della provincia romana passano con Matteo Salvini. A scegliere la Lega Angelo Pizzigallo primo cittadino di Anguillara (esponente di Forza Italia era stato eletto con il sostegno di Lega e Fratelli d'Italia), Bruno Bruni di Manziana, Lindo Vetrani di Riano, Francesco Mancini di Magliano Romano tutti provenienti da liste civiche di centrodestra. 

La formalizzazione dell'ingresso dei quattro sindaci è avvenuta nella sede romana della Lega martedì 2 febbraio, alla presenza del coordinatore regionale Claudio Durigon, del responsabile di zona Luca Quintavalle e dei dirigenti Fabio Stefoni e Marco Riezzo. "La squadra della Lega - dichiara Durigon - cresce e si rafforza con quattro sindaci di valore che porteranno un grande valore aggiunto. Il partito è sempre più radicato e pronto a governare i territori grazie a una classe dirigente che ha esperienza e consensi".

"La Lega cresce ogni giorno, da Nord a Sud, e la provincia di Roma è una delle realtà più dinamiche e positive" ha commentato poi il leader Salvini, agganciandosi subito dopo al tema Roma. "Tra pochi mesi, per la gioia dei cittadini romani che non ne possono più, daremo lo sfratto anche alla Raggi". Ancora da capire però con quale nome in campo per la candidatura a sindaco. 

Candidature per Roma

"I candidati per le amministrative ci sono" ha detto convinto ieri Salvini intervistato su La7 durante la trasmissione Otto e mezzo, parlando tra le tante di elezioni comunali. "Ci sono ma nessuno li sa" commenta non senza ironia un leghista romano. In piedi resta la candidatura possibile dell'ex capo della Protezione civile Guido Bertolaso, proposto lo ricordiamo da Forza Italia in uno dei primissimi vertici tra le forze di centrodestra lo scorso autunno, sul tema amministrative. Ma nulla è certo specie alla luce della crisi di Governo in corso che potrebbe creare fratture all'interno del centrodestra. Nel partito di Berlusconi nessuno esclude di votare la fiducia al possibile nuovo Governo dell'ex presidente della Bce. Contrariamente a quanto annunciato da Fratelli d'Italia. Che se già non vedeva di buon occhio la candidatura di Bertolaso potrebbe decidere definitivamente di non sostenerla. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento