Mercoledì, 4 Agosto 2021
Politica

Sicurezza, Masini (Pd): "Da Campidoglio necessaria azione di contrasto"

Il consigliere capitolino del Pd, Paolo Masini, dichiara: "Non sottovalutare infiltrazioni mafiose e criminalità organizzata"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

Le cronache recenti e i dati degli uffici distrettuali sottolineano un serio problema di infiltrazioni delle mafie e della criminalità organizzata a Roma che non possiamo più sottovalutare. Un fenomeno che si radica sempre di più in città e che richiede da parte del Campidoglio una decisa azione di contrasto attraverso degli strumenti adeguati. Strumenti che la delibera Antimafie presentata lo scorso ottobre in Consiglio dal centrosinistra ed ora sostenuta anche da una parte della maggioranza, potrebbe fornire, se solo venisse portata al voto dell'Aula. Per questo lanciamo un appello ai capigruppo delle forze presenti in Assemblea Capitolina perché la delibera sia posta all'ordine dei lavori e approvata con voto bipartisan in Consiglio entro il 19 luglio, per onorare al meglio l'anniversario della morte di Paolo Borsellino e lanciare un messaggio positivo alla città anche in vista della fiaccolata contro le mafie dello stesso giorno al Pantheon". Lo affermano in una nota congiunta il consigliere capitolino del Pd Paolo Masini, primo firmatario della delibera Antimafie, e il consigliere del Pdl Andrea De Priamo.

"Attività commerciali, mercato immobiliare, usura e, nel prossimo futuro, grandi eventi come la candidatura olimpica di Roma: gli interessi della malavita organizzata nella nostra città sono sempre maggiori e ci impongono un deciso passo in avanti, un salto di qualità non solo nel contrasto alle penetrazioni nel tessuto economico della città, ma anche nella riaffermazione della cultura della legalità, funzionale alla coesione sociale e alla reazione civica del nostro territorio. Nel rispetto delle competenze dei diversi livelli istituzionali – proseguono –, è soprattutto nell'azione di vigilanza e tutela dei cittadini che deve concentrarsi l'impegno del Campidoglio ed è proprio questo che propone la delibera attraverso la nomina di una figura di alto profilo a delegato antimafie, la costituzione di un osservatorio per il monitoraggio delle infiltrazioni nell'economia della città e per una sana gestione dei beni confiscati alle mafie, l'istituzione di corsi di formazione specifici per amministratori e amministrativi affinché per primi vigilino dall'interno della macchina comunale".

"Una proposta di buon senso – aggiungono i consiglieri – che prescinde dalle valutazioni di parte e ci vede concordi verso un comune obiettivo: la liberazione di Roma dal cappio della criminalità organizzata, che ne asfissia lo sviluppo e ne soffoca il futuro. Per questo chiediamo al sindaco Alemanno di impegnarsi personalmente per garantire il positivo percorso della delibera, bloccata negli uffici del Campidoglio da ben 260 giorni. E allo stesso modo – concludono Masini e De Priamo – auspichiamo che l'Assemblea agisca nella giusta direzione, affinché il Campidoglio affermi la sua presenza e lanci quel messaggio d'impegno che tutti i cittadini aspettano".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sicurezza, Masini (Pd): "Da Campidoglio necessaria azione di contrasto"

RomaToday è in caricamento