Campo rom Foro Italico, il Comune ordina lo sgombero: dietro alle baracche rifiuti e roghi tossici

In una nota il vice capo di Gabinetto indica la data in cui l'area della baraccopoli della Tangenziale verrà "liberata da persone" per permettere la bonifica dell'immensa discarica lungo le sponde del Tevere

Il campo rom Foro Italico sarà sgomberato l’11 agosto. A scriverlo nero su bianco il vice capo di Gabinetto e delegato alla sicurezza della sindaca Virginia Raggi, Marco Cardilli. 

Sgombero per il campo rom Foro Italico

Ha dunque i giorni contati la baraccopoli “tollerata” nata nei primi anni ‘90 dalla comunità di rom serbi che viveva nell’insediamento di Monte Antenne e che oggi, dopo quasi trent’anni, è ancora li: un ghetto, nel quale convivono diverse etnie, in condizioni igienico sanitarie pessime. Tra le baracche e i container che da dietro il muro di bagni chimici si affacciano sulla Tangenziale non mancano topi e sporcizia. Alle spalle un’immensa discarica abusiva proprio a ridosso delle sponde del Tevere: è da li, dove gli svuotacantine “zozzoni” sversano in modo illecito, che si innalzano i fumi “tossici” che avvelenano la zona del Trieste Salario. Un disastro ambientale a due passi dal fiume, proprio sotto le finestre dei Parioli. Un terreno già sequestrato nel 2016. 

Foro Italico: un'immensa discarica dietro al campo rom

“Si tratta di una situazione di illegalità che viene portata avanti in modo organizzato da alcuni soggetti che lucrano sulla salute dei cittadini” - aveva commentato la sindaca Raggi promettendo un intervento per porre fine a quel tipo di illegalità. Le ruspe per la bonifica dell’area alle spalle del campo nomadi Foro Italico arriveranno l’11 agosto. 

“Oltre alla già nota presenza di un’ingente quantità di rifiuti - si legge nella nota del Comune che RomaToday ha potuto visionare - è emersa la presenza di numerosi manufatti abusivi e la correlata necessità di liberare da persone le aree che saranno interessate dalla rimozione dei rifiuti e materiali di risulta anche per evitare pericolo durante le attività dei mezzi in manovra”. 

Dunque sgombero per il campo rom Foro Italico. Da pianificare l’eventuale assistenza a persone e nuclei familiari fragili da parte della Sala Operativa Sociale del Comune. Un campo “tollerato”, di transito per molti con alcune delle famiglie che, saputo dello sgombero imminente, hanno già lasciato la baraccopoli. 

Le famiglie del campo Foro Italico verso lo sgombero

“Dagli ultimi dati in nostro possesso li ci risultano circa 80 persone, di cui 18 bambini che erano iscritti a scuola. La maggior parte sono romeni” - dice Carlo Stasolla, presidente dell’Associazione 21 Luglio. Secondo il censimento del II Municipio sarebbero solo 6 le persone, tra cui un’anziana e tre minori, che, censite dai servizi sociali municipali, necessitano di una sistemazione alternativa. 

“Gli altri - ha spiegato la minisindaca Francesca Del Bello - sono di passaggio, molti se ne sono già andati. L’intervento è stato programmato per eliminare la discarica alle spalle del campo rom: per consentire queste operazioni di bonifica e far si che si svolgano in tutta sicurezza con l’ingresso di mezzi idonei, sarà necessario rimuovere baracche e manufatti. Le persone non possono rimanere li. Una volta liberata l’area - aggiunge la presidente - ci siamo resi disponibili a gestirla come municipio: vorremmo farne un parco verde attrezzato. Bisogna evitare che, una volta ripulito tutto, possano sorgere ancora insediamenti”. 

Uno sgombero al quale plaude Fratelli d’Italia. “Non possiamo che accogliere favorevolmente la data dell’11 agosto per lo sgombero del campo abusivo di via Salaria. Le denunce - ha commentato il capogruppo di FdI in II, Holljwer Paolo - hanno evidentemente dato i loro frutti: per troppo tempo l’amministrazione capitolina e municipale hanno tollerato questa situazione. Registriamo tuttavia il comportamento vergognoso della Sindaca e del M5s che avevano promesso il superamento dei campi rom e che scaricano la responsabilità della ricollocazione degli occupanti sui nostri servizi sociali municipali a cui va un plauso per il lavoro che, nonostante la carenza di personale, porteranno avanti. Lo sgombero della baraccopoli è una vittoria dei cittadini, dei comitati ma anche di FdI che in questi mesi hanno incalzato Comune e Municipio”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La 21 Luglio: "Sgomberi non consentiti per questione salute pubblica"

E mentre tutti gli occhi sono puntati sul campo rom di Castel Romano, per il quale la 21 Luglio ha sottolineato l’impossibilità dello sgombero programmato a settembre visto che la normativa nazionale redatta a tutela della salute pubblica ha bloccato gli "sfratti" fino al 31 dicembre 2020, per la baraccopoli del Foro Italico l’abbattimento sembra imminente. L’arrivo delle ruspe è previsto tra due settimane. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio di luglio: i quartieri dove ci sono stati più casi

  • Case Ater all’asta: da Garbatella a Trionfale 18 immobili finiscono sul mercato

  • Coronavirus, 9 nuovi casi a Roma. Tutti i dati dalle Asl del primo agosto

  • Coronavirus, a Roma nove nuovi casi: sono 18 in totale nel Lazio. I dati Asl del 6 agosto

  • Meteo Roma e Lazio, allerta maltempo da oggi e per le prossime 24 ore

  • Atac, Coronavirus: ecco come chiedere i rimborsi per gli abbonamenti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento