Sabato, 18 Settembre 2021
Politica San Giovanni / Via La Spezia

Casa, Asia Usb: "Ottantenne sfrattata dall'Ater si riprende l'alloggio"

La donna, malata di alzheimer, disabile al 100 per cento, era stata allontanata dall'alloggio Ater perché non titolare dell'assegnazione. Il sindacato: "Basta ingiustizie"

Ottant'anni, malata di alzheimer, disabile al 100 per cento. Desanka era stata sfrattata il 3 marzo scorso dall'alloggio pubblico dell'Ater in via La Spezia in cui viveva da circa due anni in quanto, pur avendo diritto a una casa popolare, non era assegnataria dell'appartamento in questione. Questa mattina l'anziana è rientrata autonomamente nell'alloggio aiutata da un gruppo di inquilini. Lo rende noto Asia Usb.

"Dopo le futili promesse di Ater e il successivo scarica barile con il Comune di Roma, gli abitanti delle case popolari, applicando i principi della giustizia sociale, nella serata di ieri hanno riconsegnano l'appartamento alla signora" si legge in una nota. L'Asia Usb "sostiene la scelta degli abitanti degli alloggi popolari e proseguirà nella lotta affinché simili ingiustizie non vengano ripetute e si metta fine all'abbandono delle case popolari".

LA STORIA - Ottantenne sfrattata da una casa dell'Ater

Desanka, in graduatoria per l'assegnazione di una casa popolare con il massimo dei punti, è stata sfrattata la prima volta nel 1998. Un alloggio pubblico è arrivato nel 2013. Dopo aver scartato due case proposte, "in quanto non adatte" decise di entrare in un appartamento abbandonato "da oltre dieci anni" in via La Spezia. Poi lo sfratto con tanto di forza pubblica. "L'inquilina non era intestataria dell'alloggio in questione" comunicò l'Ater a sostegno della decisione di sfrattarla.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casa, Asia Usb: "Ottantenne sfrattata dall'Ater si riprende l'alloggio"

RomaToday è in caricamento