Borghesiana, sfratto nel piano di zona: "E' tra gli inquilini truffati"

Asia Usb: "Ha pagato per anni la sua casa a prezzi di mercato nonostante avesse diritto a canoni sociali". Sul posto anche l'assessore all'Urbanistica Luca Montuori

La commissione capitolina d'indagine nata a fine maggio per "fare luce" sulla vicenda dei piani di zona non ferma gli sfratti in questi quartieri. Ieri mattina a Borghesiana un inquilino è stato sfrattato con la forza pubblica. Il piano di zona era salito alle cronache nel marzo scorso per un'inchiesta che ha coinvolto una delle cooperative costruttrici con l'accusa di truffa. E anche Ivan, denuncia il sindacato Asia Usb, "è tra quegli inquilini che per anni hanno pagato le loro case a prezzi di mercato mentre avrebbero avuto il diritto a canoni sociali e oggi si ritrovano sotto sfratto per morosità per sopraggiunte difficoltà economiche" le parole di Angelo Fascetti. "Nel 2013 pagava 802 euro di affitto più 76 euro di condominio mentre i canoni originali dovevano oscillare intorno ai 350-400 euro in base alla corretta applicazione del prezzo massimo di cessione". 

"Nonostante l'inchiesta della magistratura e il fatto che il Comune di Roma abbia chiesto da tempo alla Prefettura di fermare gli sfratti, ieri mattina la polizia è intervenuta" scrive Asia Usb in una nota. "Basta usare la forza a favore degli speculatori: si poteva evitare questa ennesima ingiustizia ai danni di chi è stato truffato dal diabolico meccanismo dei Piani di Zona, che per volume d'affari e intreccio di relazioni tra imprenditoria malata e politica fa impallidire il processo per Mafia Capitale. Invece la questura di Roma è voluta comunque intervenire per tutelare gli interessi cooperativa". 

Sul posto ieri si è recato anche l'assessore all'Urbanistica Luca Montuori. Lo sfratto però è stato eseguito lo stesso. "L'assessore ha ipotizzato la possibilità di procedere al sequestro dell'alloggio" spiegano da Asia Usb che denuncia: "Perché il Comune interviene sempre in extremis e non prende il toro per le corna, mettendo fine a questo continuo stillicidio? E' un anno che l'Asia USB insieme all’avv. Vincenzo Perticaro denunciano questa situazione, le inchieste della magistratura si sono moltiplicate, la quantità di elementi di prova per fermare questa truffa è cresciuta a dismisura, eppure la Giunta Raggi continua a dimostrarsi timida e inconcludente". Conclude il sindacato: "L’intervento del Comune di Roma è fondamentale in Tribunale, intervento che dovrebbe avvenire attraverso l’avvocatura capitolina. "Eppure ad oggi mai si sono presentati nelle aule di Tribunali dove moltissime volte gli inquilini si trovano a difendersi da soli senza l’intervento delle istituzione preposte al controllo tra i quali Comune e Regione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camorra, "a Roma comanda tutto lui": il cartello della droga di Michele Senese. Ecco come aveva diviso la Capitale

  • Incidente sulla Pontina: l'auto ha un'avaria, lui scende e viene investito da un tir. Morto 43enne

  • La montagna vicino Roma: 5 escursioni a due passi dalla Città eterna

  • Choc nel parcheggio del supermercato: cliente non lascia il carrello al mendicante e finisce ferito in una pozza di sangue

  • Saldi, a Roma e nel Lazio si parte un mese prima: lo shopping natalizio sarà all'insegna degli sconti

  • La voglia di festa sfida il Covid: in 34 assembrati in 70 metri quadri, la vicina chiama i carabinieri

Torna su
RomaToday è in caricamento