rotate-mobile
Giovedì, 29 Settembre 2022
Politica

Emergenza abitativa, Paoluzzi (Unione Inquilini): "Urgente la graduazione degli sfratti"

"Con lo sblocco dei licenziamenti sarà evidente che una grande città del G7 come Roma non sa tutelare i suoi cittadini", spiega la rappresentante sindacale.

"La scorsa settimana è stata pubblicata la nuova gratuatoria per l'accesso all'edilizia residenziale pubblica. Ci sono 3896 famiglie in graduatoria, a fronte di 300 assegnazioni l'anno. Capisce anche lei che con questi numeri la situazione non può migliorare": a parlare al telefono con Roma Today è Silvia Paoluzzi, segretaria dell'Unione Inquilini di Roma. Negli scorsi giorni i sindacati dell'abitare hanno diffuso una nota in cui chiedevano al prefetto di Roma, Matteo Piantedosi, di attuare quanto dichiarato dalla ministra dell'Interno Luciana Lamorgese alla Camera: "Una cabina di regia per la graduazione degli sfratti, una misura presa sfortunatamente in ben poche città e Roma è fra queste. Abbiamo già incontrato i rappresentanti della prefettura e finora i risultati sono insufficienti". 

"A Roma il problema abitativo è un problema strutturale, ciò è noto e sarà sempre più evidente quando si abbatterà sulla città lo sblocco dei licenziamenti. Il modello dell'occupazione di viale del Caravaggio è quello da seguire, ma il patrimonio residenziale pubblico è troppo poco e quindi non è facile far passare gli inquilini di casa in casa. Se oggi una famiglia viene sfrattata non c'è alcuna rete di protezione; si tenta di attivare la Sala operativa sociale del comune che fa il suo lavoro, ma per i problemi di spazio che esistono verranno tutelati probabilmente le mamme con i minori e i papà dormiranno in automobile, se ce l'hanno. La grande assente, oggi come ieri, è la disponibilità di alloggi pubblici e case popolari". 

Per affrontare la situazione, spiega la sindacalista, servono politiche decise e urgenti: "Occorre immediatamente la mappatura del patrimonio in disponibilità del Comune di Roma e un piano per la riconversione a fine abitativo. Poi parlare di espropri non dovrebbe essere un tabù. A Roma si tengono ormai permanentemente degli edifici in abbandono che sono i buchi neri della città: è uno schiaffo agli abitanti della capitale. In questi luoghi fra l'altro accade di tutto, la criminalità si organizza proprio dove non c'è sicurezza sociale. Le occupazioni abitative vengono criticate e noi siamo i primi a pensare che il circuito della legalità dovrebbe prevalere; ma in queste condizioni", conclude, "le occupazioni hanno motivo di esistere. C'è un tema di necessità immediata, persone che non sanno dove dormire la notte". 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza abitativa, Paoluzzi (Unione Inquilini): "Urgente la graduazione degli sfratti"

RomaToday è in caricamento