menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Rami tagliati. Foto Pixabay

Rami tagliati. Foto Pixabay

Sfalci e potature: il Campidoglio lancia il bando per lo smaltimento del legname

Roma Capitale cerca aziende interessate a recuperare il legname già stoccato dal Servizio Giardini. Può essere impiegato in agricoltura, silvicultura o per la produzione energetica

Rami e tronchi tagliati dagli alberi hanno un valore economico. Quanto? Saranno gli operatori del settore a quantificarlo. Roma Capitale ha infatti deciso di predisporre un’apposita manifestazione d’interessi .

Come recuperare rami e tronchi

Entro il 27 marzo del 2020 le aziende interessate a recuperare il legname risultante da sfalci e potature, possono presentare un proprio progetto. Quello che l’amministrazione sta puntando a sondare, è l’interesse a verificare se c’è qualche operatore disposto a recuperare e trasportare il legname “da utilizzare in agricoltura, nella silvicultura – si legge nel documento pubblicato da Roma Capitale – o per la produzione di energia come quale biomassa”.

Il valore economico del legname tagliato

La manifestazione d’interessi prevede, sul piano procedurale, di raccogliere le proposte di vari operatori. Il progetto reputato più confacente alle esigenze dell’amministrazione, viene indicato agli altri operatori come quello su cui conformarsi, inviando ulteriori  proposte migliorative. In tale senso è il privato a “fare il prezzo” e quindi, nel caso specifico, a stabilire quanto valgono sul piano economico i rami ed i tronchi tagliati.

Un progetto pilota

Il servizio, da configurarsi come progetto pilota, avrà la durata di tre mesi prorogabili “a insindacabile giudizio dell’Amministrazione, senza che l’operatore economico possa vantare pretesa alcune” si legge nella manifestazione d’interesse pubblico. Il materiale legnoso e non, derivante da sfalci e potature, dovrà essere recuperato nelle sei aree di stoccaggio che la Capitale sta utilizzando. Vale a dira il Semenzario di San Sisto (Municipio I), Villa Ada e Villa Borghese nel Municipio II,  Villa Pamphili del XII, via del Colle della Mentuccia (Municipio V) e la Pineta di Scatel Fusano (Municipio X).
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Zona arancione più vicina per Roma e il Lazio. D'Amato: "Curva in ascesa"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento