Settimia Spizzichino: vent’anni fa moriva l’unica sopravvissuta al rastrellamento del Ghetto

Roma ricorda Settimia Spizzichino, venuta a mancare il 3 luglio del 2020. Raggi: “Il suo impegno per non dimenticare quell’orrore sia un esempio per tutti”

Foto dalla pagina facebook Settimia Spizzichino

Il 3 luglio del 2000 si spegneva, a Roma, Settimia Spizzichino. Sono trascorsi venti anni da quella data. Due decadi senza i racconti, in prima persona, dell’unica donna sopravvissuta al rastrellamento del Ghetto.

Un testimone instancabile

“Ha trascorso buona parte della sua vita a raccontare” e nel farlo è diventata una “instancabile testimone della Memoria”. Con queste parole è stata descritta dalla Fondazione Museo della Shaoh Onlus. La Fondazione, di Spizzichino, ha ricordato il suo lungo lavoro a contatto con le giovani generazioni. “ Ha parlato con migliaia di studenti di tutta Italia, è stata decine di volte ad Auschwitz accompagnando ragazzi, professori e cittadini”. E lo ha fatto “ripercorrendo ogni volta quel viale, rientrando in quella baracca, varcando quella soglia” .

Un esempio per tutti

A vent'anni dalla sua scomparsa ricordiamo Settimia Spizzichino, sopravvissuta a campi di sterminio nazisti e testimone della Shoah. Il suo impegno per non dimenticare quell'orrore e per trasmettere la memoria ai giovani – ha scritto su Twitter la Sindaca Virginia Raggi – deve essere un esempio per tutti”.

Di Settimia ricordo la passione, la tenacia e il coraggio che non le ha mai fatto smettere di raccontare l'orrore dei campi di sterminio –  ha commentato il presidente del Lazio Nicola Zingaretti – Grazie per le tue parole, grazie per aver trasformato tanti giovani in testimoni”.

Al di là delle parole, dei messaggi diffusi sui canali social e di quelli contenuti nei comunicati stampa, ci sono anche segnali tangibili del tributo che Roma ha voluto riconoscere a Spizzicino. All’unica donna, tra i 1022 arrestati il 16 ottobre al Ghetto, ad aver fatto ritorno nella Capitale. E si trovano nel territorio dove si era trasferita, una volta tornata dal campo di sterminio. Il territorio che ospita anche il sacrario delle Fosse Ardeatine.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'intolazione della scuola e del ponte

A Settimia Spizzichino è infatti dedicato un istituto comprensivo ed un ponte. Un’infrastruttura, quest'ultima, che ha una valenza particolare perché, com’è stato ricordato anche in occasione della sua intitolazione, il ponte unisce. E lo stesso ha fatto la testimonianza di Settimia Spicchino che, attraversando le generazioni, ha contribuito a lasciare un ricordo doloroso che è destinato a durare. Anche vent'anni dopo la sua scomparsa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso Comune di Roma, pubblicati i bandi: 1512 i posti a disposizione, tutte le informazioni

  • Incendio a Roma Nord, fiamme in un autodemolitore: alta colonna di fumo nero

  • Coronavirus, a Roma 12 nuovi casi: sono 38 in totale nel Lazio. I dati Asl del 10 agosto

  • In fila alle Poste mostra i genitali all'impiegata: "Ora ti faccio vedere io il documento"

  • Il padre provava a venderlo in spiaggia, la mamma lo porta via dall'ospedale senza autorizzazione

  • Coronavirus: a Roma 31 nuovi casi, altri sette nel resto della regione Lazio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento