menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
la scuola Ulderico Sacchetto

la scuola Ulderico Sacchetto

Scuole al via tra aule incomplete, arredi e pulizie in ritardo: a Roma la prima campanella non suona per tutti

Oltre 12mila studenti non riprenderanno la didattica il 14 settmbre. E c’è chi nella prima settimana andrà a scuola un solo giorno

A sei mesi dalla chiusura imposta dal lockdown gli studenti tornano in classe. Lunedì 14 settembre a Roma riaprono le scuole: ma non tutti gli istituti della Capitale sono pronti ad accogliere nuovamente i loro alunni. Tra test sierologici per il personale in ritardo, interventi per l’adeguamento degli spazi incompleti e arredi non ancora arrivati: saranno oltre 12mila gli studenti di Roma per i quali la prima campanella suonerà più in la. Per qualcuno addirittura dopo lo stop per la consultazione referendaria del 20 e 21.

Riapertura scuole: per oltre 10mila alunni prima campanella rimandata

E’ il caso degli alunni della Ulderico Sacchetto a Torrevecchia che rientreranno in classe solamente il 24, “considerato che allo stato attuale non sussistono le condizioni tecnico-igienico-sanitarie necessarie per fruire dei locali scolastici nel rispetto delle normative vigenti” - così ha scritto nella delibera il Consiglio di Istituto. E le immagini pubblicate da RomaToday a pochi giorni dall’avvio dell’anno scolastico lo facevano presagire: banchi accatastati ovunque, calcinacci e detriti di ogni genere, sporcizia. Servizi igienici impraticabili. 

Sempre nel quadrante Torrevecchia-Primavalle prima campanella  differita anche per per i plessi Maffi, Maglione e Don Morosini. A poca distanza primo giorno di scuola rinviato pure per gli alunni della Lambruschini. 

Le aule non sono pronte: a Vigna Clara la scuola rimanda apertura

A Re di Roma rientreranno in classe il 24 settembre gli alunni dell’IC di via Ceneda. "Una decisione molto sofferta seppur presa all'unanimità” - ha scritto il dirigente scolastico, Sabrina Maraffi alle famiglie. Tra le motivazioni che hanno indotto il rinvio dell'apertura: materiale anti Covd non consegnato, insegnanti che non hanno ancora effettuato il test sierologico e la mancanza di un numero adeguato di collaboratori scolastici per garantire una pulizia accurata del plesso. “Tutta la comunità scolastica, docenti e personale tutto, si è prodigato oltre ogni misura per far in modo da poter iniziare le attività didattiche il 14 settembre. Fino all'ultimo abbiamo cercato di farcela”. Ma nulla da fare.

Li come Vigna Clara dove per gli studenti della Zandonai l’apertura è stata rinviata a causa del protrarsi degli interventi di edilizia leggera. “Tale decisione si è resa necessaria per consentire a tutti gli alunni di riprendere le attività didattiche in sicurezza. In tale situazione di emergenza – ha scritto il Dirigente Scolastico Patrizia Giordano  – i lavori in corso dovranno essere completati e la scuola pulita e sanificata“.

Elementari e medie di via Appiano alla Balduina torneranno in classe il 23 per consentire alla scuola di “riorganizzare gli spazi in base a quanto previsto dall’ultima normativa in materia di sicurezza”. 

Scuola, apertura rmandata da Laurentina a Portuense

Rispetto all'inizio fissato per il 14 settembre, si prende più tempo per "lo stoccaggio e lo smaltimento dei banchi biposto", che saranno sostituiti da quelli singoli arrivati solo venerdì scorso, l’Istituto Comprensivo di via Crivelli a Portuense: il rientro in classe è fissato per mercoledì 16 settembre. Per la prima settimana lezioni a orario ridotto: fino alle 14.30 per gli alunni delle elementari, solo fino alle 12 per quelli delle medie. 

“Preso atto dello stato degli interventi di manutenzione ancora non completati nei vari plessi e della carenza di organico”, campanella il 16 settembre anche per l’IC Domenico Bernardini di via Laurentina 710.

In classe solo un giorno: poi a casa per dieci

Ma c’è anche chi rientrerà a scuola regolarmente il 14 settembre per poi rimanere a casa i dieci giorni seguenti: è il caso delle classi quinte della Contardo Ferrini, nel quartiere Trieste. I bambini faranno il loro primo giorno di scuola il 14, il secondo il 25 settembre. Così prevede il piano di accoglienza a scaglioni diramato dalla scuola. “Dopo mesi di didattica a distanza e chiusura è assurdo arrivare impreparati. Non possono chiederci ulteriore pazienza” - tuona una mamma. A Talenti classi divise in gruppi e a scuola a turno per frequentare in presenza rispettando le distanze: sarà così "fino alla consegna dei banchi monoposto" - si legge nella circolare arivata ai genitori.

L'assessore Di Berardino agli studenti: "Inizio difficile, timido, e incerto. Siate responsabili"

“Un inizio difficile, timido, e incerto” - così lo ha definito l'assessore al Lavoro, Scuola e Formazione della Regione Lazio Claudio Di Berardino in un messaggio agli studenti. “Quest’anno la riapertura è sicuramente più difficile degli altri anni. Oltre alle preoccupazioni di dover affrontare un altro lungo anno, fatto di compiti, interrogazioni e studio, quest’anno c’è anche il Covid da dover gestire. Per questo il mio invito è quello di prestare sempre attenzione ai comportamenti, di pensare alla nostra salute e a quella dei nostri cari con piccole semplici azioni che possono davvero fare la differenza. Azioni che ormai avete imparato a conoscere e che è importante continuare a rispettare. In questi giorni state spesso sentendo parlare di scuola, forse con argomenti che raccontano di una scuola lontana da voi, fatta di preoccupazioni burocratiche, prigioniera della cronaca e della propaganda politica. Ciò che tengo a dirvi, cari ragazzi, è di informarvi, approfondire ciò che vi appassiona,  pensare sempre a migliorarvi, a studiare per il vostro futuro, e aiutarci a migliorare le nostre e le vostre istituzioni. Vi invito ad essere responsabili, diligenti, maturi e curiosi. Solo con il vostro contributo sarà possibile affrontare al meglio questa nuova sfida”. 

La scuola cerca genitori vigilanti anti-assembramenti

Una prima campanella dunque destinata a suonare nel caos. L'unica certezza il servizio di ristorazione scolastica "regolarmente fruibile" anche nelle scuole statali, fa sapere il Campidoglio, sin dal primo gorno. Qualunque esso sia. E all’Infernetto si cercano mamme e papà disponibili ad essere “volontari della vigilanza”: fuori dall'Istituto Comprensivo 'Francesco Cilea' i genitori 'sentinelle', riuniti in un apposito Comitato, avranno il compito di "suggerire, indicare e informare in merito alle buone pratiche da  attuare relativamente al distanziamento sociale e aiutare il flusso  delle persone" durante l'ingresso e l'uscita dalla scuola.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • De Magna e beve

    La vera storia della carbonara: origini e curiosità

  • De Magna e beve

    Carbonara: 7 errori comuni da non fare mai

  • Attualità

    La bufala del vaccino su chiamata a Roma

  • Cultura

    La Roma di Stefania Orlando

Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento