Scuole al freddo a Roma, Cps Roma: "Situazione inaccettabile"

"Serve intervenire sull'edilizia scolastica"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

Roma, 11 Gennaio. «In questi giorni l'emergenza freddo sta mettendo in evidenza quanto sia disastrosa la condizione dell'edilizia scolastica romana. Decine di scuole si trovano ad avere termosifoni rotti, spifferi e classi non isolate termicamente che costringono gli studenti a dover fare lezione al gelo.»- hanno dichiarato Francesca Palisi e Pietro Fulvi, consiglieri di presidenza del FGC nella consulta romana - «Questi sono gli effetti di anni di tagli all'istruzione e all'edilizia scolastica; a pagare sono sempre gli studenti, specie quelli di periferia che vivono le situazioni più critiche.»- continua la nota- «Come rappresentanti degli studenti di Roma e Provincia diamo la massima solidarietà a chi in questi giorni non ha condizioni dignitose per fare lezione, porteremo anche sul piano istituzionale la voce degli studenti che stanno lottando nelle loro scuole. Ci mettiamo a disposizione per raccogliere segnalazioni provenienti dalle scuole e supportare ogni forma di protesta. E'ora di di farci sentire contro una politica presente solo quando c'è da regalare miliardi alle banche, ma assente quando bisogna risolvere i problemi delle scuole italiane. Non servono i goffi tentativi di intervento fatti dal sindaco Raggi: serve un piano di investimenti sull'edilizia scolastica, che garantisca un riammodernamento delle strutture effettivo e libero da speculazioni.»

Torna su
RomaToday è in caricamento