"Scuole aperte": al via 49 progetti per l'offerta formativa durante il periodo estivo

Accolti i progetti proposti da 49 scuole tra materne, elementari e medie. La partecipazione è aperta anche agli alunni che, nel corso dell’anno scolastico, non hanno frequentato gli istituti coinvolti nell’iniziativa

Immagine archivio

"Contrastare la dispersione scolastica e valorizzare gli istituti come presidi sul territorio, coniugando l’esigenza di tener impegnati i ragazzi durante l’estate con un’offerta educativa di qualità". E' l'obiettivo del progetto "Estate 2017: Scuole aperte", affinché gli istituti eroghino un'offerta formativa anche durante l’estate.
 
Sono stati accolti i progetti proposti da 49 scuole tra scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado. La partecipazione è aperta anche agli alunni che, nel corso dell’anno scolastico, non hanno frequentato gli istituti coinvolti nell’iniziativa. Il budget a disposizione dell’Amministrazione capitolina ammonta a 300mila euro, interamente a carico del Fondo Nazionale istituito dalla legge n.285 del 1997. Per ogni singolo progetto è stato previsto un tetto di 5.500 euro.
 
A conclusione di ciascun iniziativa verrà presentata una scheda di autovalutazione finale in cui saranno raccolte le indicazioni sul raggiungimento o meno dei target, sulle risorse impiegate e sulle eventuali difficoltà riscontrate. I progetti attivati coinvolgono gran parte del territorio capitolino e abbracciano un ampio e variegato ventaglio di attività: sport, lingue straniere, musica e danza, riciclo dei materiali e sostenibilità ambientale, teatro, disegno e pittura, organizzazione delle biblioteche, etc.
 
"Il nostro obiettivo è garantire alle famiglie un’offerta che si estenda oltre l’orario scolastico curriculare. Vogliamo quindi proporre iniziative che garantiscano, sistematicamente, l’accesso anche in estate e durante il pomeriggio. Partirà una rete permanente con tutte le realtà coinvolte e organizzeremo uno specifico seminario annuale. La nostra politica si fonda sul raggiungimento di risultati con precise scadenze e che siano sempre misurabili" spiega Laura Baldassarre.
 
"Il ruolo della scuola nella comunità deve ampliarsi, all’insegna della qualità e della programmazione. Vogliamo garantire ai cittadini strutture multifunzionali che diventino un riferimento nell’arco di tutta la giornata, soprattutto in periferia. In quest’ottica si inserisce anche la pubblicazione, avvenuta pochi giorni fa, del catalogo con i progetti per integrare l’offerta scolastica. La nostra è un’azione di sistema che consoliderà la scuola come asse portante della società" ha concluso l'assessore. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Lazio zona arancione? Oggi la decisione

  • Coronavirus, nel Lazio chiusi negozi e supermercati alle 21: la nuova ordinanza della Regione

  • Centro commerciale Maximo di Roma: ecco quali sono i negozi presenti all'interno

  • Vigili nella bufera, Raggi guarda Report e decide di ruotare gli agenti. In bilico il comandante Napoli

  • Coronavirus Roma, Matteo si fa ricoverare insieme allo zio down positivo al Covid: "Non potevo lasciarlo solo"

  • Sciopero trasporti mercoledì 25 novembre: a rischio metro, bus, treni e pullman Cotral

Torna su
RomaToday è in caricamento