Scuola, da lunedì scorso accesi riscaldamenti tutti i giorni fino alle 16

Il Campidoglio: "Controllo a distanza della temperatura grazie a nuovo sistema monitoraggio"

Da lunedì scorso, 4 gennaio, i riscaldamenti delle scuole sono accesi tutti i giorni dalle ore 7 fino alle ore 16. Inoltre, per assicurare aule sufficientemente riscaldate al rientro dalle festività natalizie, per questa notte è previsto un monitoraggio a distanza grazie a un nuovo sistema che permette di controllare e gestire da remoto la temperatura all’interno degli istituti scolastici di competenza di Roma Capitale, ovvero asili nido e scuole dell’infanzia capitoline. In questo modo, se necessario, si potrà anticipare l’accensione dei termosifoni rispetto all’orario previsto.

L’utilizzo di questo nuovo sistema di monitoraggio ci permette di rendere il servizio più efficiente, di velocizzare le operazioni e, quindi, garantire ambienti caldi e confortevoli ai nostri studenti. Abbiamo scelto di anticipare l’accensione degli impianti di riscaldamento nelle scuole per consentire agli studenti di riprendere l’attività didattica al caldo e in sicurezza. Nei giorni scorsi abbiamo monitorato le temperature gestendo a distanza con il nuovo sistema di sonde e intervenendo laddove era necessario”, spiega l’assessora alle Infrastrutture Linda Meleo.

Sono circa 4mila le sonde del nuovo sistema di monitoraggio, utilizzato quest’anno per la prima volta, che sono state installate in scuole e edifici di competenza di Roma Capitale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve a Roma in settimana? Cosa dicono le previsioni meteo

  • Zona arancione, cosa si può fare e cosa no a Roma e nel Lazio dal 17 gennaio

  • Roma e Lazio in zona arancione: l'annuncio dell'assessore D'Amato

  • Coronavirus, Roma e il Lazio verso la zona arancione: indice Rt e ricoveri oltre la soglia. Cosa cambia

  • Sabato zona gialla a Roma e nel Lazio: il 16 gennaio giornata limbo prima della stretta

  • Coronavirus, a Roma e nel Lazio la situazione sta peggiorando: "Si è perso il controllo dei contagi, vi spiego perché"

Torna su
RomaToday è in caricamento