menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sciopero della scuola, venerdì 14 febbraio lezioni a rischio

Lo sciopero della scuola riguarderà docenti, personale Ata, educatori e dirigenti: lezioni non garantite venerdì 14 febbraio

Sciopero della scuola venerdì 14 febbraio 2020. Ad incrociare le braccia tutto il comparto istruzione: scioperano il 14 febbraio dunque insegnanti, personale ATA, educatori e dirigenti a tempo indeterminato e determinato, nonché il personale con contratto atipico.

Sciopero della scuola venerdì 14 febbraio 2020

Venerdì 14 febbraio con lo sciopero della scuola proclamato dalle sigle sindacali CUB SUR, ADL-COBAS, USI-Educazione, SGB-Sindacato Generale di Base, con l'adesione del SIAL-COBAS e del Coordinamento Nazionale Precari della Scuola, lezioni a rischio. 

Una mobilitazione indetta contro il precariato. "A fronte di oltre 170mila contratti a tempo determinato, stipulati nell'anno scolastico 2019/2020, il Governo Conte vorrebbe risolvere la questione del precariato con un concorsino per soli 24mila posti nella sola scuola secondaria. La questione del precariato della scuola italiana viene da lontano e, purtroppo, sopravviverà anche ai prossimi concorsi poiché si fonda su un consenso politico trasversale. Lavorare da precari - scrive il sindacato SGB - significa non avere certezza di nulla: nessuna garanzia lavorativa per una massa di docenti esclusi da fondamentali diritti economici (scatti stipendiali, permessi retribuiti, bonus di 500 euro della carta docente) e nessuna garanzia di continuità didattica per gli alunni e le famiglie. Il personale precario della scuola (docenti e ATA) costituisce un enorme esercito di riserva a basso costo, utile anche a condizionare negativamente i livelli salariali del personale in servizio a tempo indeterminato". 

Venerdì 14 febbraio sciopero scuola "contro il precariato"

"La nostra parola d’ordine: 24000 non bastano! Cosa vogliamo? Assunzioni su ogni cattedra disponibile. A fronte quest’anno di una cifra record di 150.000 supplenze annuali assegnate a docenti precari di seconda e terza fascia l’unica vera richiesta che può risolvere il problema del precariato nella scuola italiana è: stabilizzazione per tutti/e" - rilancia la Federazione Nazionale CUB Scuola Università e Ricerca. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Zona arancione più vicina per Roma e il Lazio. D'Amato: "Curva in ascesa"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento