Su Roma Metropolitane lo spettro della liquidazione, scioperano i lavoratori: "Si tuteli occupazione"

I dipendenti della partecipata in presidio sotto al Campidoglio, i sindacati: "Comune risani azienda"

foto archivio: protesta lavoratori Roma Metropolitane

Scioperano i lavoratori di Roma Metropolitane. Oggi 23 settembre dalle 15 sino a fine turno incrociano le braccia i dipendenti della società del Comune che si occupa di progettare e portare a compimento le linee metropolitane della Capitale, ampliare e ammodernare quelle esistenti oltre che della realizzazione di tutte quelle opere legate alla mobilità della città, in particolare quella su ferro. 

Scioperano i lavoratori di Roma Metropolitane

I lavoratori di Roma Metropolitane in sciopero saranno in presidio in Campidoglio, sotto le finestre delle stanze in cui si svolgerà l'incontro tra i confederali e le categorie di CGIL, CISL e UIL e i rappresentanti di Roma Capitale sulla precaria situazione della società. 

Se dal Comune di Roma non arriverà infatti un aumento di capitale entro il 30 settembre la società, senza bilancio dal 2015, sarà messa in liquidazione. 

Tremano dunque i lavoratori: per 45 di loro l'ipotesi è quella dell'esubero; almeno altre 70 persone, per lo più progettisti ed ingegneri, saranno invece trasferite all'agenzia della Mobilità. Per altrri dieci si sta ancora valutando come procedere. 

Il Comune non investe, Roma Metropolitane vacilla. Scioperano i lavoratori: “Azienda va risanata”

Roma Metropolitane: le richieste dei sindacati 

Chiedono certezze e garanzie i sindacati. "Da più di un anno chiedevamo un tavolo, per discutere il nuovo contratto, affinché non si arrivasse a ripercussioni sui lavoratori, poiché era in esaurimento la capienza economica della vecchia Convenzione tra il Comune e Roma Metropolitane, e non siamo stati ascoltati. Il risultato - contestano le RSA di Filt-Cgil e Uil Trasporti con pure Fit Cisl territoriale Roma e Lazio - è nella Delibera di Assemblea Capitolina n. 148 del 28 dicembre 2018, che ha definito un 'perimetro delle attività' che non solo non ha rilanciato la società stessa, ma che, come comunicato dall’Amministratore Unico solo tre mesi dopo, addirittura 'certifica che i ricavi non coprono i costi aziendali'. In un quadro di instabilità aziendale, la decisione da parte dell’Amministratore Unico di ritirare il decreto ingiuntivo per il riconoscimento di somme dovute per prestazioni rese e mai contestate, ed accettare importi minori al dovuto, - incalzano i rappresentanti dei lavoratori - ha acuito la già precaria situazione aziendale". 

A rischio funivia Battistini-Casalotti e la linea C

Una situazione che, secondo i sindacati, metterebbe a rischio anche i progetti fondamentali per la città: quelli relativi alla tratta T2 di Linea C e della funivia Battistini/Casalotti. Sul punto dal Campidoglio è trapelata la volontà di trovare soluzioni per assicurare la prosecuzione dei contratti in essere per il completamento dell'infrastruttura e delle altre opere già finanziate. 

Ma i sindacati avvertono: "L’incarico della project review T2 e del progetto definitivo della funivia non sono inclusi nelle attività previste dal contratto; mentre per gli ammodernamenti delle Linee A e B della metropolitana, è a rischio il rispetto dei tempi previsti dal decreto ministeriale per i requisiti antincendio, nonostante i fondi già stanziati e disponibili; per la Linea D ed il prolungamento Rebibbia-Casal Monastero, nonostante le mozioni approvate dall’Assemblea Capitolina impegnino la Sindaca a proseguire e rilanciare i progetti, nel contratto di Roma Metropolitane viene previsto solo ed esclusivamente la gestione del procedimento". 

I sindacati su Roma Metropolitane: "Comune risani azienda"

Da qui le richieste dei lavoratori al Comune affinchè non siano loro a pagare la "crisi". 

Oltre al rispetto degli accordi sottoscritti nell’ambito del confronto “Fabbrica Roma” e degli impegni assunti a mantenere l’attuale assetto societario delle partecipate di Roma Capitale e a garantire gli attuali livelli occupazionali, i dipendenti chiedono al Comune di provvedere al risanamento dell'azienda "ponendo fine ad una situazione oramai insostenibile che dura da anni". 

I lavoratori di Roma Metropolitane in Campidoglio

Ma cosa si aspettano i sindacati dall'incontro in Campidoglio sulla delicata situazione di Roma Metropolitane? "Deve risultare chiaro e trasparente l’indirizzo politico sul futuro della società, nella piena tutela dei diritti delle lavoratrici e dei lavoratori di Roma Metropolitane e della loro professionalità". 

"Qualora non dovesse succedere, i lavoratori - scrivono Cgil, Cisl e Uil - saranno costretti a mettere in atto ulteriori azioni di protesta, nonché a porre in essere ogni possibile atto a loro difesa e tutela nelle sedi opportune, chiamando ognuno alle proprie responsabilità". 

Sciopero Roma Metropolitane: servizio metro regolare

Lo sciopero dei lavoratori di Roma Metropolitane non avrà alcun tipo di ripercussione sul servizio di trasporto pubblico della città. "La mobilitazione odierna - ha precisato il Campidoglio - è indetta dalle sigle sindacali dei lavoratori della società di progettazione Roma Metropolitane, e non riguarda in nessun modo il personale di Atac". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve a Roma in settimana? Cosa dicono le previsioni meteo

  • Zona arancione, cosa si può fare e cosa no a Roma e nel Lazio dal 17 gennaio

  • Roma e Lazio in zona arancione: l'annuncio dell'assessore D'Amato

  • Chi è Manolo Gambini il detenuto evaso da Rebibbia dopo aver scavalcato la recinzione

  • Coronavirus, Roma e il Lazio verso la zona arancione: indice Rt e ricoveri oltre la soglia. Cosa cambia

  • Sabato zona gialla a Roma e nel Lazio: il 16 gennaio giornata limbo prima della stretta

Torna su
RomaToday è in caricamento