Coronavirus, fase 2 del trasporto pubblico a rischio sciopero: “Mezzi affollati e pochi controlli”

Le sigle sindacali Orsa e Usb contro l’ordinanza della Regione Lazio: “Bus e treni rischiano di diventare veicoli di contagio”

“I mezzi di trasporto pubblico rischiano di diventare un potenziale veicolo di diffusione del contagio”. Sono le organizzazioni sindacali Orsa Tpl e USB Lavoro Privato a lanciare l’allarme sulle condizioni in cui si trovano ad operare nella fase 2 dell’emergenza Coronavirus i conducenti e il personale del trasporto pubblico romano.  

Sindacati sul piede di guerra: “Mezzi sovraffollati”

Secondo i sindacati l’ordinanza della Regione Lazio metterebbe “a repentaglio salute e sicurezza. Dito puntato soprattutto sul punto nel quale il provvedimento stabilisce che i mezzi del trasporto pubblico locale regionale possono trasportare un numero di passeggeri fino al 50% della capienza massima, “autorizzando de facto un sovraffollamento su bus, tram, metro e treni regionali”

“Basti pensare che su un bus da 12 metri – fanno notare Orsa e Usb - sono autorizzate a salire fino a 50 persone! Tale disposizione appare fortemente in contrasto con i contenuti del DPCM 26 aprile 2020, incongruente rispetto alle misure in esso contenute, rendendo impossibile rispettare la distanza interpersonale di almeno 1 metro”. 

La fase 2 del trasporto pubblico a rischio sciopero

Da qui l’apertura della procedura per lo sciopero: uno stop dei mezzi pubblici che, se confermato, investirà Atac, Cotral e Roma Tpl. Nella fase due dell’emergenza Covid-19 dunque potrebbero a breve fermarsi bus, metro e ferrovie. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Su bus e metro mancano i controlli

I sindacati denunciano poi la carenza di controlli relativi al rispetto delle misure di contenimento e prevenzione, dai contingentamenti all’utilizzo di dispositivi di protezione da parte dell’utenza. “Un nodo irrisolto che abbiamo sollevato già prima dell’inizio della fase 2, con le aziende che non riescono a far fronte esclusivamente col personale a disposizione e il supporto delle Istituzioni che appare ancora decisamente insufficiente”. Tutto ciò, dicono Orsa e Usb, “espone il personale che opera frontline a ulteriori rischi  e scarica su di esso tutte le difficoltà di questa situazione emergenziale”. 
 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Roma usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: positivi due minori della stessa famiglia, chiusi ristorante e centro estivo sulla Casilina

  • Temporale Roma, bomba d'acqua e gradinata sulla zona est della Capitale

  • Coronavirus, a Roma 11 casi. In totale nel Lazio 14 nuovi contagi. I dati delle Asl

  • Coronavirus: undici nuovi contagi nel Lazio, chiusi ristorante e centro estivo nella periferia est

  • Coronavirus, a Roma sette nuovi casi: undici in totale nel Lazio

  • Tragedia a Roma: trovato nella sua auto il corpo senza vita di Rocco Panetta

Torna su
RomaToday è in caricamento