rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Politica

Sciopero, Marino: "I sindacati non stanno facendo l'interesse dei lavoratori"

Il sindaco commenta lo sciopero dei dipendenti capitolini. "Se l'obiettivo è dire 'Non vogliamo sederci ad un tavolo, non vogliamo obiettivi' allora su questo rimango confuso. Non so più dove seguire i sindacati"

"Sbigottito" ieri, "confuso" oggi. Il sindaco Marino, accolto in piazza del Campidoglio dai fischi dei dipendenti in protesta [IL VIDEO], commenta lo sciopero a caldo. Aspra anche oggi la critica alla scelta dei sindacati di proclamare lo stop in massa dei lavoratori. Decisione che arriva al culmine di settimane tensione e proteste contro i tagli al salario accessorio. 

Ma il primo cittadino non ci sta a metterci la faccia, o almeno non da solo. "Ho fatto tutto quello che il sindaco poteva fare". Leggi il nulla osta concesso in extremis dal Mef per consentire l'erogazione degli stipendi, in attesa di una rinegoziazione del contratto decentrato.

E comunque, sottolinea intervistato a Radio24, "le irregolarità rilevate sul salario accessorio erano state già comunicate all'ex sindaco Alemanno che nel silenzio dei sindacati ha fatto finta di niente per quattro anni. Semplicemente mi è sembrato sacrosanto riportare l'erogazione di questo tipo di salario nei limiti previsti dalla legge, salvaguardando sempre chi ha redditi più bassi". Il tutto dandosi una scadenza.  

"Siccome sono una persona seria - ha proseguito il primo cittadino - ho detto diamoci 90 giorni per ridefinire il contratto. Ed a me pare un tempo umano in cui il contratto si può realizzare. Se invece l'obiettivo è dire 'Non vogliamo sederci ad un tavolo, non vogliamo obiettivi allora su questo rimango confuso. Non so più dove seguire i sindacati". Che per Marino "non stanno facendo l'interesse dei lavoratori". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sciopero, Marino: "I sindacati non stanno facendo l'interesse dei lavoratori"

RomaToday è in caricamento