menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Troppe mansioni e poco personale, scioperano gli assistenti sociali di Roma: "Manca pure sicurezza"

Giovedì 21 marzo si fermano servizi e Centri di Orientamento al Lavoro, i sindacati: "Le condizioni di lavoro non sono più sostenibili"

La mole di lavoro in continuo aumento, le poche unità di personale costrette a far fronte a mansioni crescenti e nuove competenze, oltre che ad esporsi in prima persona su gestione delle emergenze e situazioni di fragilità. 

Il 21 marzo scioperano gli assistenti sociali

Denunciano "condizioni di lavoro non più sostenibili" gli assistenti sociali di Roma che giovedì 21 marzo saranno in sciopero.

"Dopo la proclamazione dello stato di agitazione all’inizio del mese, continua a mancare la disponibilità dell’aministrazione ad aprire un confronto sulle innumerevoli criticità organizzative del settore. Dai carichi di lavoro che aumentano alla sicurezza che manca: carenze di personale e responsabilità eccessive, compiti amministrativi che non spetterebbero agli operatori sociali, portano a una continua sovraesposizione di lavoratrici e lavoratori" - hanno scritto in una nota Fp Cgil Roma e Lazio e Cisl Fp Roma Capitale-Rieti proclamando lo sciopero. 

A pesare sugli operatori del sociale i compiti sull’assistenza alloggiativa, "che dovrebbero spettare al dipartimento politiche abitative" - specificano i sindacati, la gestione dell’assistenza post sgomberi oltre che scarsa sicurezza sul posto di lavoro. 

I sindacati: "Personale a rischio aggressioni"

"Non è possibile costruire una progettazione sociale, se non viene prima risolto il problema alloggiativo emergenziale per le persone messe in strada. Nelle strutture manca la vigilanza, proprio dove dovrebbe essere più garantita: dove si opera con la parte più fragile della società, la tensione è all’ordine del giorno e di frequente - aggiungono le sigle di categoria - capitano aggressioni a lavoratrici e lavoratori".

Una misura colma. Così il 21 marzo lavoratrici e lavoratori dei servizi sociali di Roma Capitale si fermeranno. 

"Le condizioni di lavoro non sono più sostenibili: l’amministrazione - concludono Fp Cgil Roma e Lazio e Cisl Fp Roma Capitale-Rieti - ammetta con chiarezza che non ha un progetto per l’assistenza e l’inclusione, o scelga finalmente il confronto su tutte le criticità che denunciamo da tempo. Incluso un piano di tutele per adulti e minori, alla stregua di altri comuni, anch’esso da definire attraverso il confronto con noi". 

Si fermano servizi e centri di orientamento al lavoro

Dunque, visto lo sciopero degli assistenti sociali e del personale amministrativo impiegato nei Servizi Sociali di tutte le Strutture di Roma Capitale, oltre che del personale dei Centri di Orientamento al Lavoro ( COL ) coinvolto nell'attività del Dipartimento delle Politiche Sociali, per l'intera giornata di giovedì 21 marzo a Roma potrebbero verificarsi disagi nell'erogazione dei servizi.  
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Daniele De Rossi ricoverato allo Spallanzani

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • De Magna e beve

    La vera storia della carbonara: origini e curiosità

  • De Magna e beve

    Carbonara: 7 errori comuni da non fare mai

  • Attualità

    La bufala del vaccino su chiamata a Roma

  • Cultura

    La Roma di Stefania Orlando

Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento