Sabato, 20 Luglio 2024
sos sicurezza / Magliana / Via Luigi Candoni

La strada fa paura, sassaiole continue contro i bus. E gli autisti "chiudono" il deposito

Lo sciopero del personale della rimessa di via Candoni: lungo la via mezzi e conducenti bersagliati dalle pietre scagliate da alcuni vandali del vicino campo nomadi. I sindacati: "Bisogna garantire sicurezza"

Hanno paura gli autisti dell’Atac e di Roma Tpl che non ci stanno a fare da bersaglio mobile a chi si “diverte” in modo irresponsabile a lanciare sassi contro gli autobus nel deposito o in transito in via Luigi Candoni, la strada che costeggia il campo nomadi. Da tempo succede spesso che i mezzi vengano presi di mira da vere e proprie sassaiole con le pietre scagliate all’altezza della cabina di guida. Una pratica che mette a rischio la sicurezza dei conducenti ma anche il servizio pubblico perché i bus con i vetri infranti devono tornare in rimessa, non possono girare per la città. E gli utenti restano in attesa.

Pietre contro bus a via Candoni: i conducenti hanno paura

Così dopo l’ennesimo lancio di sassi che ha colpito un mezzo pubblico di rientro all'autorimessa e uno in quel momento in sosta fuori servizio, i lavoratori hanno deciso di incrociare le braccia per dire basta alle continue aggressioni, alle vetture come ai propri beni personali. Domani lunedì 24 luglio nel deposito Atac di via Candoni sarà sciopero. 

“La sicurezza non può e non deve essere un miraggio” - scrivono in una nota i segretari regionali del Tpl di Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Ugl Fna. “Non si può pensare che, accanto ad una rimessa di autobus che servono l’intera città, sia consentita la presenza di un campo nomadi i cui residenti senza sosta lanciano pietre alle vetture in transito, puntando all’altezza della cabina guida. Questa situazione, più volte denunciata a tutte le Autorità competenti, non vede soluzioni”. Da qui lo stop proclamato alla Magliana: gli autobus non usciranno dal deposito dalle 8:30 alle 12:30.

Sono entrato indisturbato nel deposito Atac e avrei potuto manomettere un autobus (VIDEO)

Lo sciopero nella rimessa Atac vittima delle sassaiole

“Non possiamo più lungamente consentire che i lavoratori del tpl siano oggetto di violenze continue, di attacchi ai beni patrimoniali dell’azienda e dell’intera città, e vivano con la paura di entrare a prendere servizio, piuttosto che a riconsegnare le vetture a fine turno”. Negli anni non sono bastate le denunce, anche la presenza di una pattuglia della Polizia Locale di Roma Capitale non è riuscita a fermare le sassaiole. “Serve un’azione forte e risolutiva a protezione e garanzia dei lavoratori del deposito bus di via Candoni. Protezione - sottolineano i sindacati - che non possiamo permetterci resti inevasa".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La strada fa paura, sassaiole continue contro i bus. E gli autisti "chiudono" il deposito
RomaToday è in caricamento