La sanità del Lazio alla prova di 'Quota 100', i sindacati: "Servono 10 mila nuove unità"

Il commento di Roberto Chierchia, segretario generale della Cisl Fp Lazio

500 unità di personale entro l’estate per la Regione. Una stima che raddoppia la cifra, però entro la fine del 2019, per i sindacati. ‘Quota 100’ preoccupa la sanità del Lazio, un settore con “il turnover bloccato per effetto del commissariamento ormai da oltre 10 anni” e i dipendenti “con un’età media superiore ai 54 anni”. A mettere in fila i numeri è Roberto Chierchia, segretario generale della Cisl Fp Lazio.

“Abbiamo chiesto alle aziende della sanità i numeri relativi all’attuale stato del personale per capire l’impatto di ‘Quota 100’ (che consente il pensionamento anticipato a quanti hanno compiuto 62 anni di età e presentano 38 ani di versamenti, ndr) e le prime stime che abbiamo a disposizione indicano numeri potenziali, dal momento che la misura non è obbligatoria, che si aggira attorno alle mille unità entro al fine del 2019” spiega. “Senza risposte in tempi brevi, l’effetto potrebbe creare problemi nell’erogazione dei servizi. Non dobbiamo dimenticare che la principale azione messa in atto dal piano di risanamento riguarda il blocco delle assunzioni con l’esternalizzazione di una parte consistente del servizio, prevalentemente con contratti precari e interinali”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dal canto suo la Regione fa sapere di aver riattivato il sistema dei concorsi. Come quello al Sant’Andrea dal quale, si stima, arriveranno circa mille infermieri che potranno essere impiegati anche in altre aziende o altre Asl. Non solo. In programma anche un piano di stabilizzazioni, come annunciato ieri a Latina dove in due anni seguiranno questo percorso circa 500 unità. Provvedimenti che per Chierchia rappresentano “un importante primo passo che segnano un cambio di rotta verso la normalizzazione della sanità del Lazio. Le nostre stime dicono che per farlo abbiamo bisogno di circa 10 mila unità di nuovo personale”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La sala è piena di pubblico senza mascherina: la “bolla” del Costanzo Show fa infuriare i social

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Ristorante romano consegna le chiavi a Virginia Raggi: "Roma muore e con sé la ristorazione e il turismo"

  • Centro commerciale Maximo, salta l'inaugurazione: le insegne sono coperte e sull'apertura cala il silenzio

  • Coronavirus, ecco perché Roma è messa meglio di altre grandi città: i numeri spiegati dagli esperti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento