Sanità: "Certezze per il personale precario o in mobilitazione"

"Il blocco del turnover ha causato nella nostra Regione la mancata sostituzione di oltre 7000 operatori della Sanità"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

Il 7 agosto del 2013 risultavano 2615 precari nella sanità del lazio, di cui circa 900 medici, 1500 tra infermieri, tecnici sanitari ecc , 160 dirigenti sanitarie e amministrativi e, infine, un 2,5% di "precari" con qualifica imprecisata.

Questi i risultati della rilevazione a cura delle aziende del Servizio sanitario Regionale svolta dalla Regione Lazio.

Dati non certi ne' definitivi, anche perché non possono esserci precari privi di qualifica e comunque per le OO.SS. sottostimati rispetto la realtà.

Il blocco del turnover, persistente ormai da anni, ha causato nella nostra Regione la mancata sostituzione di oltre 7000 operatori della Sanità che a vario titolo sono cessati dal servizio senza essere mai sostituiti.

Se il blocco delle assunzioni da un lato, potrebbe far pensare ad un contenimeto dei costi del personale, dall'altro invece ha sicuramente comportato l'aumento dell'acquisto di beni e servizi dall'esterno per garantire i livelli essenziali di assistenza e il diffondersi di larghe fasce di precariato (esternalizzati ed interinali)

Al 31/12/2013 scadrà l'ennesima proroga dei contratti a termine di questi insostituibili lavoratori che nel caso non fossero rinnovati comporterebbero la sospensione dei LEA e l'interruzione di servizi essenziali per i cittadini laziali.

Non è più possibile accettare tale situazione che vede coinvolte migliaia di persone e chiediamo alla Regione che si proceda all'immediata proroga dei contratti dei dipendenti interessati e che si concretizzino le procedure di stabilizzazione degli stessi.

Tale personale, pur vivendo nella costante incertezza occupazionale risultante dalla mancanza di governance del settore e di politiche regionali che nel corso del tempo sono andate nella direzione di scarsa programmazione, tagli indiscriminati e aumento esponenziale dei costi per l'acquisto di beni e servizi, continua a sostenere l'erogazione dei servizi sanitari pubblici ai cittadini con dedizione e professionalità.

In tale ottica i Segretari Generali Natale Di Cola, Roberto Chierchia e Sandro Biserna hanno chiesto formalmente ai Direttori Generali di tutte le Aziende Sanitarie ed Ospedaliere del Lazio di produrre una reale mappatura del personale in servizio all'interno delle strutture sanitarie pubbliche chiedendo di certificarne la reale dislocazione nei servizi.

E' evidente che se tali dati non dovessero pervenire in tempi brevi, e la Regione non incontri iimmediatamente le OO.SS. per affrontare nel concreto questa drammatica problematica, FPCGIL-CISLFP e UILFPL porranno in essere tutte le iniziative di protesta necessarie, compresa la mobilitazione generale del personale del comparto sanitario regionale.

Lo dichiarano in una nota Natale Di Cola Roberto Chierchia Sandro Biserna,  Cgil F.P. Roma e Lazio Cisl F.P. Lazio Uil FPL Lazio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento