Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Salvini spacca San Lorenzo. "Sciacallo" e "Grazie Matteo": la visita per Desirée diventa una ressa

Il titolare del Ministero degli Interni non è riuscito ad arrivare di fronte al cancello che chiude l'edificio dove si è consumato il delitto

 

Una ressa, più che un visita. San Lorenzo respinge e contesta Salvini, impendendogli di visitare lo stabile di via dei Lucani dove venerdì è stata trovata morta Desirèe Mariottini, la 16enne di Cisterna Latina. Annunciata in mattinata, la visita si è concretizzata poco dopo le 12.30. Obiettivo verificare di persona la situazione dell'edificio dove è stata uccisa la giovane Desirèe e  rendere omaggio alla vittima. 

Il titolare del Ministero degli Interni non è riuscito ad arrivare di fronte al cancello che chiude l'edificio dove si è consumato il delitto e dove già da questa mattina diverse persone hanno lasciato fiori, biglietti e lumini. Di fronte si è trovato diversi residenti e decine di attivisti dei centri sociali e dei movimenti femministi che lo hanno pesantemente contestato urlando, tra le altre cose "Sciacallo, sciacallo", "Fuori Salvini dai quartieri" e "Te ne vai o no, te ne vai sì o no?". 

A dare sostegno al ministro, invece, un gruppo di cittadini e alcuni esponenti della Lega. Salvini ha promesso "un coordinamento per il piano sgomberi e 150 uomini delle forze dell'ordine in più a Roma".

La morte di Desirée: la Procura indaga per omicidio e violenza sessuale

Potrebbe Interessarti

Torna su
RomaToday è in caricamento