Rifiuti, Salvini: "Surreale che Roma li porti all'estero. Ovunque sono ricchezza, da noi solo un costo"

Il ministro dell'interno sulla questione rifiuti romana e sulle trattative di questi giorni con impianti fuori dal Lazio e dall'Italia

Matteo Salvini con la sindaca Virginia Raggi

"E' surreale leggere anche in questi minuti come il Comune Roma si stia attrezzando per portare rifiuti in Emilia Romagna e Veneto, in Svezia". Sul tema del ciclo rifiuti interviene il ministro dell'Interno Matteo Salvini. Ovunque l'immondizia, dice il leader della Lega, "è energia, calore e ricchezza" ma "solo in Italia per un no pregiudiziale sono un costo". "Su questo - prosegue ancora con una direttasui social network fuori dal Viminale - dobbiamo ragionare con M5S perchè anche in Italia la valorizzazione dei rifiuti sia una risorsa". Noi, dice il ministro dell'Interno, "siamo per una politica economica fondata sul sì e qualsiasi blocco non è più accettato, né accettabile". 

E' un altro, l'ennesimo, punto di scontro con l'alleato di governo, che almeno su Roma si è sempre detto contrario alla realizzazione di nuovi impianti di smaltimento, quindi termovalorizzatori e/o discariche. Oggi però è proprio quello l'anello debole. Da una parte l'alta percentuale di indifferenziata prodotta dalla città (il 55%), dall'altro la perenne condizioni di emergenza creata dalla dipendenza costante del ciclo da impianti terzi, pone da tempo il problema. Lo stesso Massimo Ranieri, consigliere del neo cda di Ama lo ha detto durante una commissione Ambiente: "Serve un impianto per l'indifferenziata". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Intanto, sul fronte raccolta, Ama continua il suo tour de force per ripulire le strade della Capitale. Termine ultimo, quello promesso, il 20 luglio. Negli ultimi cinque giorni, hanno fatto sapere dall'azienda, sono state raccolte 16mila tonnellate di rifiuti da terra e dai secchioni. Mentre in parallelo si lavora alla mappa dei centri di trasbordo, gli spazi dove i rifiuti vengono trasferiti da mezzi più piccoli a "macchine madri". La situazione si sta man mano normalizzando, ma nei quartieri si registrano ancora importanti criticità. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Ho preso il muro fratellì”, l’infrazione costa cara all’ex rapper, patente ritirata ed auto sequestrata

  • Omicidio suicidio a Roma: uccide la moglie e si spara dopo aver ferito il figlio

  • Coronavirus, a Roma 10 nuovi contagi: sono 3635 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma 15 nuovi contagiati: sono 3637 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma 9 nuovi contagi: sono quindi 3554 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma 8 nuovi contagiati in 24 ore: sono 3538 gli attuali casi positivi nel Lazio

Torna su
RomaToday è in caricamento