La Lega riparte da Roma: tutto pronto per l'assedio al Campidoglio. Salvini: "Raggi inesistente"

Claudio Durigon, ex sottosegretario al Lavoro, nominato coordinatore di Roma e Provincia. Così il Carroccio punta alla Capitale

Matteo Salvini e Virginia Raggi (Immagine d'archivio)

"Mi chiedo che tempo abbia Zingaretti per fare anche il governatore del Lazio visto che si occupa di tutt'altro". E ancora: "Raggi è scomparsa? C'è o non c'è?". Un colpo al Comune e uno alla Regione. Roma e il Lazio, a rispettiva guida M5s e Pd, diventano l'asse perfetto per Matteo Salvini e la sua battaglia ai giallorossi di Governo. Indeboliti nella reciproca opposizione l'uno all'altro dall'accordo nazionale, i due partiti lasciano uno spazio, ghiotto, da colmare. "Roma è in condizioni pietose" tuona l'ex vicepremier, uscito rafforzato dal raduno di Pontida, dove sembra essersi riconciliato con gli elettori delusi dal suo strappo di agosto. Ora, nella nuova versione di oppositore al Palazzo, sceglie la Capitale tra i punti privilegiati di attacco. 

Di ieri la nomina di Claudio Durigon, big nella cerchia dei suoi fedelissimi, a coordinatore di Roma e Provincia. Già commissario della Lega sul territorio, torna a guidare le truppe ora libero dal ruolo di governo. Prende il posto di Flavia Cerquoni, consigliera municipale in VII, nominata lo scorso giugno, quando nel partito certo non si sospettava di tornare minoranza solo tre mesi dopo. "Ora serve un volto di spessore nazionale, la battaglia ha un altro peso" commentano tra gli addetti ai lavori. Anche se Cerquoni, ci tengono a sottolineare dalla Lega romana, "resterà a fianco di Durigon come referente per la città"

"La Capitale non può essere periferia del Pd o della Raggi che in questi anni ha solamente peggiorato una situazione già molto critica" ha commentato il coordinatore del Lazio Francesco Zicchieri nell’annunciare il nuovo incarico, accolto tra gli applausi anche in Regione. Per il capogruppo Orlando Tripodi, Durigon è "l'uomo giusto al momento giusto". Insomma, la figura è di quelle di peso, proporzionata al nuovo corso battagliero del partito. Domani il primo incontro con i coordinatori territoriali. Presenti Durigon e Zicchieri. 

Tra i temi da affrontare anche il programma per Roma. Dalla gestione del ciclo rifiuti con i termovalorizzatori, alla sicurezza dei territori con forze dell'ordine adeguatamente equipaggiate, dal piano sgomberi ai campi rom da smantellare al più presto. Già scritto e presentato ai vertici nazionali a inizio estate dal capogruppo in Campidoglio Maurizio Politi. "Roma sta rientrando in emergenza rifiuti - commenta - ma sono finite le polemiche tra Zingaretti e Raggi. Ora va tutto bene. L'indegno accordo siglato per gestire il potere è fatto anche sulla pelle dei romani. Il nostro programma è pronto, così come la struttura della Lega per governare Roma. Queste persone devono solo essere mandate a casa". 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Abbiamo impiccato Greta Thunberg a Roma", la rivendicazione su facebook

  • Si getta dal viadotto: morto imprenditore del crack Qui!Group

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • Metro B chiusa, cambiano gli orari per i week end di ottobre

  • Tenuta Castel di Guido, i lupi romani sono diventati ibridi. Chiesta la sterilizzazione

  • Da Canova a Frida Kahlo, tutte le mostre da non perdere in autunno a Roma

Torna su
RomaToday è in caricamento