menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Matteo Salvini (foto Ansa)

Matteo Salvini (foto Ansa)

"Un lombardo malato di covid vale di più di un laziale": è bufera sulle parole del leghista. E Salvini è costretto a rettificare

A pronunciarle l'europarlamentare Angelo Ciocca. Zingaretti: "Frase delirante e offensiva". Salvini: "Ogni vita è sacra, il resto sono sciocchezze"

"Se si ammala un lombardo, economicamente vale di più rispetto a un laziale". La frase che ha scatenato la bufera è stata pronunciata dall'europarlamentare leghista Angelo Ciocca, su un'emittente tv lombarda. Parlando di vaccini anti Covid ha detto che spetterebbero "prima ai dipendenti privati della Lombardi che tengono in piedi il Paese". E solo dopo ai "ministeriali romani". La pioggia di polemiche non è tardata ad arrivare. Il primo a farsi sentire è il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti. 

"Questa frase delirante e offensiva che vorrebbe vincolare la distribuzione del vaccino sulla base della ricchezza e della discriminazione geografica ha offeso in particolare i cittadini e le cittadine di Roma e del Lazio" ha scritto su Facebook il segretario dem e governatore del Lazio, Nicola Zingaretti. Segue l'attacco di diversi esponenti del Partito democratico, tra cui il segretario del Pd Roma Andrea Casu che twitta: "Sarebbe interessante sapere che cosa pensa anche @GiorgiaMeloni. Se concorda con i suoi alleati della lega. E che cosa dicono i leghisti laziali?". 

Giorgia Meloni tace ma parla il ministro degli Esteri Luigi Di Maio: "Non esistono cittadini di serie A e di serie B. Qui non bastano delle scuse, serve una netta presa di posizione" commenta. Insomma, il pressing è tale e la gaffe pure che Matteo Salvini è costretto ieri in serata a rettificare il suo eurodeputato. "In tutta Italia e nel mondo la vita, ogni vita, è sacra e non può avere un prezzo, né distinzione sociale, geografica o economica. Aiutare, curare e proteggere tutti, a Roma e a Milano, a Palermo e a Torino, a Napoli e a Bologna, è un sacro dovere. Il resto sono sciocchezze".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento