Martedì, 22 Giugno 2021
Politica

Ilaria Cucchi querela Salvini, la replica: "Non mi mette paura. Parlamento approvi legge sulla droga"

Continua il botta e risposta tra l'ex ministro e la sorella del geometra romano, picchiato e ucciso nel 2009 dai Carabinieri che lo avevano arrestato

A sinistra Ilaria Cucchi, a destra Matteo Salvini

La querela annunciata su Facebook, la replica a mezzo stampa. Non si placa il botta e risposta tra Ilaria Cucchi e Matteo Salvini, a pochi giorni dalla sentenza di condanna a 12 anni di carcere per due carabinieri accusati di omicidio preterintenzionale per aver picchiato Stefano Cucchi fino a provocarne la morte. Ilaria, la sorella, ha scritto sui social che querelerà l'ex ministro dell'Interno. Che oggi risponde piccato. 

"Dopo Carola Rackete, mi querela la signora Cucchi? Nessun problema - ha detto il segretario della Lega - sono tranquillissimo, dopo le minacce di morte dei Casamonica e i proiettili in busta, non è certo una querela a mettermi paura. Spero che il Parlamento approvi subito la legge 'droga zero' proposta dalla Lega, per togliere per sempre ogni tipo di droga dalle strade delle nostre città". Poche ore prima, Ilaria Cucchi scriveva su Facebook: "Il giorno in cui viene pronunciata la sentenza ha il coraggio di dire quelle parole come se fosse al bar e parlasse ai suoi amici? Sono solo una normale cittadina ma non posso fare altro che querelarlo". 

Bufera su Adriano Palozzi: "Cucchi era un tossico"

Il riferimento è alle parole pronunciate ai cronisti da Salvini. Che dopo la sentenza sul giovane geometra romano commentava: "Per l'ennesima volta si dimostra che la droga fa male". Già nei giorni scorsi la Cucchi aveva manifestato la propria intenzione di querelare l'ex ministro. "Non è la droga ad aver ucciso Stefano - ha detto e ripetuto la sorella - Stefano ha sbagliato, ma non doveva pagare con la morte".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ilaria Cucchi querela Salvini, la replica: "Non mi mette paura. Parlamento approvi legge sulla droga"

RomaToday è in caricamento