Venerdì, 23 Luglio 2021
Politica

Riaprono le agenzie di scommesse. Slot, bingo e sale giochi dal 1 luglio

La Regione Lazio anticipa l'apertura delle sale scommesse: attività al via sabato 20 giugno, con la ripresa della serie A di calcio. Le videolottery restano spente, niente assembramenti davanti a schermi tv

Alla fine la riapertura anticipata rispetto alle decisioni iniziali è arrivata: nel Lazio le sale scommesse riaprono oggi sabato 20 giugno. Il presidente Nicola Zingaretti ha firmato un’ordinanza su ulteriori misure per la prevenzione e gestione dell'emergenza epidemiologica da Covid-19.

Lazio, riaprono le sale scommesse

"Fermo restando le attività sociali, economico produttive e istituzionali già autorizzate con precedenti provvedimenti" - si legge nel documento, sono consentite ulteriori attività: dal 20 giugno via libera a quelle nelle sale scommesse dove “non è comunque consentito l’utilizzo delle apparecchiature (giochi, terminali ed apparecchi Vlt/awp), al fine di evitare assembramenti di persone e di assicurare il mantenimento di almeno un metro di separazione tra gli utenti".

Scommesse, un lockdown lungo oltre 100 giorni. Protesta a oltranza sotto la Regione: “Da Zingaretti scelta scellerata"

Riaprono le sale scommesse: le videolottery restano spente

Dunque videolottery spente. Nelle sale scommesse via cataloghi e materiale cartaceo, i gestori dovranno mettere a disposizione guanti monouso per l’utilizzo dei totem e delle strumentazioni touch-screen oltre che dispenser di igienizzante.

Ribadito l’obbligo di contingentamento degli ingressi e la necessità di rispettare la distanza sociale tra i giocatori all'interno della sala. Sempre per evitare assembramenti non si potrà assistere agli eventi sportivi davanti agli schermi a disposizione nell’agenzia dove i titolari potranno anche optare per la rilevazione della temperatura all’ingresso. 

Sale gochi, bingo e slot riaprono il 1 luglio

Per riaprire dovranno invece attendere il 1 luglio sale bingo, sale slot e sale giochi. Un comparto che dunque nel Lazio riapre a scaglioni. 

Nei giorni scorsi le proteste dei titolari e dei lavoratori delle sale scommesse, circa tremila in tutto tra Roma e territorio regionale, per chiedere la riapertura delle agenzie dopo cento giorni di lockdown. “Vogliamo solo lavorare” - lo striscione dell’ultimo presidio. Poi il confronto di una loro delegazione con la Regione Lazio e la riapertura delle sale scommesse oggi 20 giugno, lo stesso giorno della ripresa del Campionato di Serie A di calcio. 

“Sono stati mesi difficilissimi, che siamo riusciti a superare solo grazie alla solidarietà che ci siamo fatti a vicenda, stringendoci attorno l’un l’altro come una vera comunità. Un grazie di cuore lo rivolgiamo anche a tutti i tecnici, funzionari e consiglieri della Regione Lazio che in questi giorni ci hanno ascoltato e hanno compreso le nostre istanze, elaborato insieme a noi le linee guida necessarie per un'immediata riapertura. La pagina che si è appena scritta - aveva commentato a margine del confronto alla Pisana Christian Evangelisti, portavoce della Federazione Italiana Gestori Scommesse - rappresenta una bella storia dove la buona politica ha svolto un ruolo di protagonista capace di applicare buonsenso nelle scelte per il bene comune”.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riaprono le agenzie di scommesse. Slot, bingo e sale giochi dal 1 luglio

RomaToday è in caricamento