Roma Metropolitane, scatta un nuovo sciopero: "Temiamo licenziamenti"

Lo stesso giorno si terrà un presidio in piazza del Campidoglio

Un momento di protesta in Campidoglio (Immagine di repertorio)

Nuovo sciopero con tanto di manifestazione in Campidoglio per i dipendenti di Roma Metropolitane. Con una nota, l'assemblea dei lavoratori della municipalizzata capitolina, che si occupa per conto del Comune della progettazione e realizzazione delle opere di trasporto della capitale, ha annunciato "l'astensione dal lavoro" per l'intera giornata del 27 novembre e un presidio sotto le finestre di Palazzo Senatorio a partire dalle 9.30. "Chiediamo che il socio unico Roma Capitale risolva la crisi aziendale, che ormai è divenuta cronica ma in nessun modo può essere pagata dai lavoratori". All'Assemblea capitolina e alla giunta Raggi chiedono inoltre "che si esprimano con chiarezza sulla tutela del lavoro, e sull'apertura, finora negata, di un tavolo di confronto con le organizzazioni sindacali" scrivono. 

I lavoratori parlano di una "crisi interminabile" della partecipata con gli stipendi di novembre che verranno pagati solo "grazie a un incasso del tutto inatteso pervenuto nei giorni scorsi, quando solo una settimana prima lo stesso amministratore unico aveva annunciato che le casse della società erano vuote". Scrivono ancora nella nota: "Alla fine di ottobre una fulminea 'ricognizione' delle attività di progettazione svolte da Roma Metropolitane nel 2018 avrebbe rilevato, secondo gli Uffici capitolini, una scarsa produttività. Ma come è mai possibile valutare la produttività del nostro lavoro senza avere stabilito a monte i criteri di valutazione? Per l'intero anno 2018 le attività si sono svolte senza la formalizzazione di alcun contratto e senza l'affidamento di alcun incarico. Gli Uffici capitolini fingono di non sapere che gli sviluppi concreti di queste attività sono ostacolati proprio dall'assenza di un contratto e dalla conseguente indisponibilità di risorse economiche; che lavoriamo ogni mese senza la certezza sugli stipendi; che le condizioni operative minime della nostra attività non sono assicurate". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La società, continua la nota, "ha già attuato ogni possibile taglio di spesa: dal blocco del pagamento degli straordinari al mancato adeguamento degli stipendi al contratto nazionale, fino ad accordi al ribasso su permessi, festività". Si teme anche per possibili licenziamenti: "Una richiesta già trasmessa la scorsa estate dagli Uffici capitolini al precedente amministratore unico, come da lui stesso riferito pubblicamente: questo ci induce a credere che il disegno si sia consolidato da tempo, e che solo a posteriori si cerchino giustificazioni nelpresunto nodo critico della produttività e nello squilibrio economico-finanziario".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La sala è piena di pubblico senza mascherina: la “bolla” del Costanzo Show fa infuriare i social

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Roma, la mappa del contagio di ottobre: 47 quartieri con più di cento casi

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • La marcia 'nera' su Roma, l'ultra destra sfida il coprifuoco. La Questura: "Nessun preavviso per il corteo"

  • Ristorante romano consegna le chiavi a Virginia Raggi: "Roma muore e con sé la ristorazione e il turismo"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento