Politica

Roma: manifestazione "Salviamo la famiglia"

La manifestazione sarà tenuta in piazza del Pantheon, il 4 ottobre 2012 dall ore 13,00 alle 18,00.adini per sostenere e proteggere la famiglia

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

Roma - Indetta la SECONDA MANIFESTAZIONE NAZIONALE per unire mamme e papà, nonne e nonni, mondo accademico e forense, associazioni, movimenti e cittadini per sostenere e proteggere la famiglia. La manifestazione sarà tenuta in Piazza del Pantheon, il 4 ottobre 2012 dall ore 13,00 alle 18,00.

Nella storia dell'umanità la famiglia e la genitorialità hanno sempre avuto un ruolo essenziale. Negli ultimi decenni si è assistito a uno svilimento dell'autonomia e del ruolo fondamentale della famiglia e della genitorialità. Si assiste al dramma di centinaia di migliaia di bambini, mamme, papà, nonne e nonni, separati di fatto dai loro affetti più cari con gravissime conseguenze, anche estreme. Il sistema attuale è incapace di ascoltare e gestire la naturale conflittualità e problematiche della famiglia moderna. Ma in un paese normale, chi si occupa di famiglie, ha il dovere di ascoltare le istanze della società civile che è fondata sui legami familiari. Prima ancora dei diritti civili vengono i diritti umani e naturali di godere dell'affetto e della possibilità di comunicare, abbracciare e baciare i propri cari. Oggi, questo diritto naturale e fondamentale di ogni bambino viene spesso negato.

Con questa manifestazione nazionale desideriamo manifestare il nostro disagio di mamme, papà, parenti e comuni cittadini. Desideriamo unire tutti per sostenere e proteggere la famiglia, aldilà delle contrapposizioni ideologiche e di genere. Vogliamo che la nostra voce venga ascoltata e richiamare la politica e la società verso lo scopo comune di salvare la famiglia.

  • 950.000 genitori separati che possono vedere i figli poche ore a settimana
  • 150.000 mamme o papà che hanno perso ogni contatto con i figli che sono, di fatto, orfani di un genitore vivo
  • 32.000 bambini sottratti alle famiglie per "inidoneità genitoriale" o altre motivazioni psichiatriche/psicologiche soggettive
  • 100 omicidi/suicidi ogni anno causati da un sistema che favorisce la conflittualità esasperata
  • 2 miliardi di euro è il volume di affari sviluppato dalle comunità per minori
  • 5 miliardi di euro valgono le separazioni per l'avvocatura
  • 1 miliardo di euro è il ricavo per gli operatori della psicologia e psichiatria

Il disagio sociale generato dalle separazioni, dall'impoverimento dei soggetti coinvolti, dalla contesa dei figli e dagli attriti che ne derivano richiede misure efficaci, urgenti, concrete. I partecipanti alla manifestazione nazionale chiedono:

  • l'abolizione delle competenze civili dei Tribunali dei minorenni
  • la costituzione di un Tribunale specializzato in materia di Famiglia composta esclusivamente da giudici togati con un'alta formazione degli operatori
  • la concreta applicazione dell'affido condiviso, rispettando il dettato del Legislatore, il voto del Parlamento e la volontà popolare
  • un concreto ridimensionamento del ruolo e dei poteri dei servizi sociali, istituendo nuclei di polizia giudiziaria e togliendo di fatto qualsiasi funzione giuridica agli assistenti sociali
  • SEMPRE il contraddittorio tra genitori in ogni sede giudiziaria, non consentendo MAI l'assunzione di decisioni "inaudita altera parte" in materia di affidamento dei figli
  • il riconoscimento dell'incompatibilità tra il ruolo di CTU e quello di CTP
  • un'effettiva turnazione dei CTU, da un elenco disponibile in ogni tribunale e facilmente accessibile al pubblico
  • la necessità di accordi concepiti in un contesto privo di attriti, pertanto riconoscere la legittimità dei patti pre-matrimoniali e la necessità di promuovere la mediazione familiare
  • l'introduzione del reato di "mobbing genitoriale" che sanzioni il genitore alienante, ma senza consentire MAI la sottrazione dei minori alla famiglia per tale fattispecie di reato o per "conflittualità genitoriale"
  • la riforma del Gratuito patrocinio, rendendolo accessibile in base al reddito disponibile e non al reddito nominale
  • la riduzione dei tempi che attualmente intercorrono tra separazione e cessazione degli effetti civili del matrimonio

Mai più un figlio senza genitori, mai più un genitore senza figli

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Roma: manifestazione "Salviamo la famiglia"

RomaToday è in caricamento