Rom insultati a Tor Bella Monaca rinunciano alla casa popolare: "Per loro un altro alloggio più sicuro"

Due gli incontri per trovare un nuovo immobile, uno con Ater e l'altro a inizio della prossima settimana con il Campidoglio. Raggi: "Simili episodi di violenza addolorano"

Le torri di viale Santa Rita da Cascia

Alla famiglia verrà assegnata un'altra casa. Per i rom aggrediti da un gruppo di cittadini a Tor Bella Monaca, solo per essere entrati in possesso di una casa popolare Ater, si sta pensando a un'alternativa, un immobile lontano da possibili rigurgiti d'odio e violenza a opera dei "vicini" di pianerottolo. I fatti risalgono a due giorni fa. Una donna, madre, di 75 anni, con tre figli, stava entrando con i funzionari Ater nelle quattro mura loro assegnate quando sette, otto residenti sono piombati dal nulla ricoprendoli di insulti e minacce. Un attacco violento e immotivato che ha costretto le forze dell'ordine a intervenire. Il gruppo però, all'arrivo degli agenti, si era già dileguato.

"Non siamo razzisti, qua conviviamo con tanti stranieri, ma loro non li vogliamo" dicono gli abitanti alle nostre telecamere, qualche ora dopo aver cacciato la famiglia. Che ora però non vuole rischiare. Ha deciso di rinunciare all'alloggio atteso per quasi dieci anni. Ieri il nucleo è stato ricevuto negli uffici dell'Ater, lungotevere Tor di Nona. L'impegno preso con la donna e i suoi tre figli è quello di trovare al più presto una casa nella zona dove hanno sempre vissuto, quella del campo di via dei Gordiani. Qui conoscono tutti, sono a loro agio, integrati, senza mai problemi con i residenti. Potrebbe volerci del tempo, qualche settimana. E allora nel frattempo torneranno nella baraccopoli di sempre. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche il Comune in parallelo si è attivato per trovare una casa popolare alla famiglia. Agli inizi della prossima settimana verranno ricevuti presso il dipartimento Patrimonio e Politiche abitative. Saranno poi gli interessati a decidere quale opzione scegliere. "I diritti di ciascuno sono e saranno tutelati - ha commentato la sindaca di Roma Virginia Raggi - gli uffici comunali competenti procedono alle assegnazioni delle case popolari regolarmente ed esclusivamente in base a quanto certificato dalla graduatoria del bando del 2012. Questo avviene a tutela non di una, ma di tutte le famiglie che hanno diritto e sono in attesa. Dispiace e addolora che simili episodi di violenza, ignoranza ed eversione possano ancora avvenire. Roma è una città accogliente che guarda al futuro, puntando all'integrazione e al benessere collettivo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso Comune di Roma, pubblicati i bandi: 1512 i posti a disposizione, tutte le informazioni

  • Incendio a Roma Nord, fiamme in un autodemolitore: alta colonna di fumo nero

  • Coronavirus, a Roma 12 nuovi casi: sono 38 in totale nel Lazio. I dati Asl del 10 agosto

  • In fila alle Poste mostra i genitali all'impiegata: "Ora ti faccio vedere io il documento"

  • Il padre provava a venderlo in spiaggia, la mamma lo porta via dall'ospedale senza autorizzazione

  • Coronavirus: a Roma 31 nuovi casi, altri sette nel resto della regione Lazio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento