Politica

Roma 2020: Mario Pescante è il presidente del comitato

Mario Pescante è il presidente del comitato promotore per le Olimpiadi a Roma nel 2020: l'obiettivo è riportare nella Capitale i Giochi a cinquanta anni di distanza da quelli del '60

Mario Pescante è il presidente del comitato promotore per le Olimpiadi di Roma del 2020. Dopo il No di Montezemolo la scelta dunque è ricaduta proprio su Pescante. Gianni Petrucci, presidente del Coni commenta: "Una scelta di alto profilo sportivo, riguarda infatti una persona che ha fatto degli ideali del movimento olimpico la sua ragione di vita."

Mario Pescante è nato ad Avezzano il 7 luglio 1938, ha iniziato la carriera di dirigente sportivo poco dopo la maggiore età ed è stato nominato segretario generale del Coni già nel 1973. Ha guidato la delegazione della squadra italiana in sette edizioni dei Giochi olimpici estivi ed in cinque di quelle invernali. Nel 1993 è stato eletto presidente del Comitato olimpico nazionale italiano, carica che ha ricoperto fino alle dimissioni avvenute il 13 ottobre 1998. Fondatore dell'Accademia nazionale olimpica, è stato inoltre vicepresidente dell'Associazione dei Comitati olimpici nazionali dal 2001 al 2006 ed anche autore di pubblicazioni su olimpismo, legislazione sportiva, legislazione regionale, sport nella scuola. Insegna diritto sportivo alla Luiss di Roma. Ha ricoperto l'incarico di sottosegretario ai Beni culturali con delega allo sport nei governi Berlusconi 1 e 2, dal 2001 al 2006. Eletto deputato all'inizio della XIV Legislatura, nelle liste di Forza Italia, è stato confermato alle ultime elezioni politiche. Nel 2009, a Copenaghen, è stato nominato vicepresidente del Cio: un incarico che l'Italia non aveva mai ricoperto. 'Ministro degli esteri' per il comitato olimpico internazionale, ha lavorato per l'ingresso del Cio alle Nazioni Unite e si batte per la riappacificazione tra israeliani e palestinesi, almeno nello sport.

Per la sfida di Roma 2020 che sogna di riportare nella Capitale i Giochi a cinquanta anni di distanza da quelli del '60, la regia di comando viene affidata a lui. In altre due occasioni - quando pero' la macchina sportiva era già avviata e perdeva colpi - Pescante era stato chiamato: per Torino 2006 e per i Giochi del Mediterraneo di Pescara il suo intervento da deus ex machina alla fine si rivelò provvidenziale.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Roma 2020: Mario Pescante è il presidente del comitato

RomaToday è in caricamento