Rolling Stones al Circo Massimo, Marino: "Gratis? Impossibile"

Il sindaco ha spiegato di aver chiesto e ottenuto il costo più basso d'Europa. In quanto ai pareri delle Sovrintendenze: "Nessuno scontro"

La conferenza stampa di presentazione di questa mattina (Foto Agenzia Dire)

Ha voluto subito tranquillizzare tutti il sindaco Ignazio Marino in merito all’annuncio, ufficializzato questa mattina in Campidoglio, del concerto dei Rolling Stones a Roma il 22 giugno. Niente preoccupazioni per i monumenti o per la quantità di persone che l’amministrazione capitolina dovrà gestire a causa dell’evento. Esibizione gratis? “Costi troppo alti”. 

A quanti hanno avanzato preoccupazioni per l'area monumentale del Circo Massimo il sindaco ha risposto “che durante questa amministrazione lo abbiamo usato solo una volta, a Capodanno, quando c'erano 100mila persone e non c’è stato nessun danno”.

Allontanata anche qualsiasi polemica con gli enti preposti al controllo dei beni culturali: "Non c’è stato nessun tipo di polemica o scontro tra le Sovrintendenze. La Soprintendenza statale per i Beni archeologici di Roma non dà mai parere favorevole per eventi al Circo Massimo, non lo ha fatto neanche per Lady Gaga, per la festa della Roma né per Capodanno e neanche per i Rolling Stones, ma stavolta ha sottolineato un giudizio molto positivo sulle risultanze che un evento del genere può avere sulla città a livello sia turistico che di conoscenza dei monumenti" ha spiegato Maurizio Pucci, responsabile Progetti speciali del Gabinetto del sindaco di Roma. L'autorizzazione, ha precisato Pucci, "viene data dalla Sovrintendenza regionale che riassume in sè tutti i pareri”. Nonostante il concerto è a pagamento, il Circo Massimo non sarà oscurato. Le vie intorno verranno delimitate.

Il sindaco si è dimostrato tranquillo anche in merito alla logistica dell’evento: “Lavoriamo con le forze dell''ordine per mettere in campo lo stesso piano di sicurezza della festa di Capodanno del 31 dicembre, quando tra Circo Massimo e Fori Imperiali abbiamo registrato oltre 300mila presenze e non c’è stato nessun tipo di incidente” ha spiegato il primo cittadino. Alla fine del concerto “nell'ambito del piano viabilità coordineremo l'apertura della metro, che durante l'evento sarà chiusa, per alleggerire il deflusso”.

Infine una battuta sui costi: “Il concerto dei Rolling Stones al Circo Massimo non avrà nessun costo per il Comune ma anzi porterà vantaggi, sia per gli introiti dell''occupazione di suolo pubblico sia per le svariate migliaia di persone che verranno dall'estero per l'evento e magari rimarranno per diversi giorni, contribuendo all'economia della città”. Per il sindaco era impossibile fare gratis l’evento: “Avrebbe avuto costi incredibili per il Comune e non sarebbe stato giustificabile per un'amministrazione dai conti così indebitati". Comunque, ha concluso il sindaco "abbiamo chiesto e ottenuto che il prezzo sia il più basso di tutta Europa, il che è molto significativo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve a Roma in settimana? Cosa dicono le previsioni meteo

  • Zona arancione, cosa si può fare e cosa no a Roma e nel Lazio dal 17 gennaio

  • Roma e Lazio in zona arancione: l'annuncio dell'assessore D'Amato

  • Chi è Manolo Gambini il detenuto evaso da Rebibbia dopo aver scavalcato la recinzione

  • Coronavirus, Roma e il Lazio verso la zona arancione: indice Rt e ricoveri oltre la soglia. Cosa cambia

  • Sabato zona gialla a Roma e nel Lazio: il 16 gennaio giornata limbo prima della stretta

Torna su
RomaToday è in caricamento