Polizza Romeo a Raggi, Lombardi: "Io la prima a parlarne? Tutta fantasia"

Secondo alcune ricostruzioni giornalistiche Grillo sarebbe convinto che dietro alle notizie su Virginia Raggi c'è lo zampino della deputata. Ma lei, con un post su Facebook, smentisce tutto

Smentisce di essere stata la prima a parlare in merito alle polizze aperte dall'ex capo della segreteria della sindaca, Salvatore Romeo, in favore di Virginia Raggi. Smentisce telefonate furiose di Beppe Grillo che l'avrebbe accusata di essere stata la fonte dei giornali. Roberta Lombardi reagisce con un post su Facebook alle notizie che sono circolate sul suo conto nelle ultime ore. "Non c’è limite alle bufale che ci rifila un certo tipo di stampa. Smentisco pubblicamente e categoricamente quanto riportato oggi in alcune fantasiose ricostruzioni giornalistiche".

Secondo quanto riportato dal Corriere della Sera, infatti, Grillo crede che ci sia la deputata pentastellata dietro ad alcune notizie che negli ultimi giorni hanno messo in difficoltà la sindaca di Roma. “Adesso basta, non ne posso più, sta veramente esagerando. Se non ci fosse lei tutto questo non sarebbe successo. Vorrei sapere come è arrivata questa cosa delle polizze ai giornali. E il dossier patacca contro De Vito?”, avrebbe detto il leader del M5s, secondo quanto riporta il quotidiano.

Lombardi, del resto, è sempre stata la principale rivale politica di Virginia Raggi. Non è un segreto che la deputata avrebbe preferito che fosse stato Marcello De Vito, il candidato del Movimento pentastellato. E fu proprio lei, quando scoppiò il caso Marra all'interno del Movimento, a definire l'ex capo del Personale il "virus che ha infettato il movimento". Dopo il suo arresto per corruzione, nel dicembre scorso, fu Lombardi che , insieme ad altri esponenti pentastellati, chiese pubblicamente conto di quanto accaduto. 

Posizioni politiche. Sui fatti delle ricostruzioni lei invece smentisce: "E' stato anche riportato che le stesse polizze sarebbero state oggetto del mio interrogatorio e ci sarebbe stata una fantomatica telefonata in cui Beppe Grillo mi accusa di aver fatto arrivare la vicenda ai giornali. Tutto falso. Una nuova fake news". E annuncia querele: "Ho già dato mandato al mio avvocato, Ervin Rupnik, per querelare gli autori di queste falsità che infangano il mio nome e il mio operato a servizio del M5S. Il resto sarà la magistratura a chiarirlo".

Schermata 02-2457789 alle 17.39.02-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Lazio zona arancione? Oggi la decisione

  • Coronavirus, nel Lazio chiusi negozi e supermercati alle 21: la nuova ordinanza della Regione

  • Centro commerciale Maximo di Roma: ecco quali sono i negozi presenti all'interno

  • Coronavirus, a Roma 1362 nuovi casi. Nel Lazio 59 morti nelle ultime 24 ore: mai così tanti da inizio pandemia

  • Coronavirus Roma, Matteo si fa ricoverare insieme allo zio down positivo al Covid: "Non potevo lasciarlo solo"

  • Coronavirus, a Roma 1305 nuovi casi. Nel Lazio 80 morti nelle ultime 24 ore. I dati del 18 novembre

Torna su
RomaToday è in caricamento