Risposta a comunicato dell'assessore all'ambiente Lombardi

Negli ultimi vent’anni si è affacciata sulla scena una peculiare tipologia di politici.

Tra questi una menzione particolare merita l’Assessore Lombardi che - imperterrita - intrattiene discorsi su argomenti che probabilmente non conosce, come ad esempio lo stoccaggio all’aperto di quelli che lei chiama “rifiuti” e che, in realtà, la legge definisce CSS, acronimo che sarà bene l’Assessore Lombardi vada a rileggersi (significa “Combustibile Solido Secondario”…). Sarebbe opportuno che l’Assessore sapesse anche a quale categoria qualitativa appartiene il CSS prodotto dalla Rida Ambiente srl e, ma questo lo dovrebbe già sapere, se questo “rifiuto”, come lo chiama lei, sia stoccato senza alcuna protezione, o se sia piuttosto imballato con la garanzia della massima sicurezza.

L’Assessore Lombardi, e altri politici come lei, si dovrebbero piuttosto preoccupare di gestire in maniera adeguata l’equilibrio economico della TARI, che grava sui cittadini che rappresenta.

, perché negli ultimi tre anni l’Amministrazione di cui fa parte ha affidato la raccolta differenziata ad aziende varie permettendo che i rifiuti venissero inviati….dove? Da un accesso agli atti effettuato dalla nostra società, è risultato che, negli ultimi tre anni di mandato dell’attuale Amministrazione (che vede come Sindaco Terra e come Assessore all’Ambiente la Lombardi), sono stati gestiti (come da lei stessa dichiarato) rifiuti pari al 70% (di raccolta differenziata). Non risulta, tuttavia, che sia stata svolta a riguardo alcuna procedura ad evidenza pubblica con riguardo al trattamento/recupero delle frazioni differenziate né che alle stesse sia stata almeno applicata una tariffa regionale amministrata.

Difficilmente può giovare ai cittadini una gestione dei rifiuti provenienti dalla raccolta differenziata, a quanto consta non strettamente controllata a partire dalle procedure di affidamento. Di solito accade il contrario.

Vorremmo quindi fare una domanda all’Assessore Lombardi: il 55% rappresentato da residui della raccolta differenziata – che per legge deve essere destinata in via prioritaria a termovalorizzazione, e solo in ultima istanza alla discarica – ora dove sta andando? Forse ci risponderà che è un problema che non la riguarda? O forse ci dirà che è un problema degli enti di controllo (Arpa, Regione e NOE)?

Speriamo di non sentire una risposta del genere perché non sapremmo di quali altre questioni deve occuparsi un Assessore all’Ambiente. O forse si ritiene che debba occuparsi soltanto della raccolta porta a porta, magari distribuendo 4/6 secchietti colorati per famiglia? Qual è la tutela ambientale ed economica posta in essere a vantaggio dei cittadini apriliani dalla Giunta rappresentata dall’Assessore Lombardi e dal Sindaco Terra?

Va precisato inoltre che i 4/6 secchietti, che vengono messi a disposizione di ogni famiglia, occupano mediamente 1,5 mq di una porzione immobiliare adibita ad uso civile e non a stoccaggio di rifiuti…. E a queste famiglie, con i loro sacrifici, questi 1,5 mq sono costati euro 2000/3000 al mq, che hanno spalmato, nel migliore dei casi, in 15 anni di mutuo con i relativi interessi.

L’Assessore Lombardi ritiene che i cittadini la ringrazieranno per i suoi progetti fantasmagorici che non soltanto non li hanno minimamente facilitati, ma li hanno per di più gravati di adempimenti e di spese (palesi e occulte) ancora maggiori?

Alla prossima puntata...intanto aspettiamo che l’Assessore Lombardi chiarisca, non a noi certo ma ai cittadini che rappresenta, i punti sopra elencati e risponda alle domande poste, in virtù del rispetto di quella trasparenza che dovrebbe essere un diritto della collettività.

Grazie per l’attenzione, a presto

Fabio Altissimi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio dell'ultimo mese: ecco i municipi e i quartieri con più casi

  • Camorra, "a Roma comanda tutto lui": il cartello della droga di Michele Senese. Ecco come aveva diviso la Capitale

  • Incidente sulla Pontina: l'auto ha un'avaria, lui scende e viene investito da un tir. Morto 43enne

  • La montagna vicino Roma: 5 escursioni a due passi dalla Città eterna

  • Choc nel parcheggio del supermercato: cliente non lascia il carrello al mendicante e finisce ferito in una pozza di sangue

  • Saldi, a Roma e nel Lazio si parte un mese prima: lo shopping natalizio sarà all'insegna degli sconti

Torna su
RomaToday è in caricamento