rotate-mobile
Domenica, 23 Gennaio 2022
Politica

Rifiuti, il giorno dopo lo scontro tra Raggi-Zingaretti arriva l'ok per la Puglia

La Giunta Zingaretti ha approvato la delibera

L'ufficialità all'ultima ancora di salvataggio, in ordine di tempo, per i rifiuti romani arriva in un clima di fuoco: "La Giunta regionale del Lazio ha dato il via libera al conferimento in Puglia dei rifiuti indifferenziati della città di Roma". Una breve nota che arriva dopo il duro botta e risposta di ieri tra Virginia Raggi e Nicola Zingaretti con al centro proprio rifiuti e trasporti.

Una nota dal tono 'tecnico', quella della regione, che però non ha mancato di rimarcare l'impegno dell'ente al fianco di Roma: "Dopo aver approvato accordi con Austria, Germania e le Regioni Toscana, Umbria, Emilia Romagna e Abruzzo, è stata approvata oggi in giunta un'analoga intesa con la Regione Puglia per conferire 150 tonnellate al giorno di rifiuti indifferenziati per circa un mese da parte dell'Ama". Un tempo minimo, che dovrebbe servire a trovare altre soluzioni. Che non saranno definitive. Perché la maxi-gara da 188 milioni di euro annunciata nei giorni scorsi, non sarà pronta entro questo termine.  

Si preannuncia un'estate difficile. Lontana dalla collaborazione annunciata all'indomani dell'insediamento 'bis' di Zingaretti, con la compagine penta-leghista al governo, sui rifiuti ieri Raggi ha attaccato il governatore: "Roma sta soffrendo, Ama sta facendo il massimo trattando più rifiuti possibile ma se non abbiamo sbocchi ulteriori non sappiamo dove portarli, e questo è competenza della Regione. Il presidente lo deve dire e lo deve fare: non possiamo più attendere, non abbiamo più tempo".

Il riferimento è all'aggiornamento del piano rifiuti, che risale ormai al 2012: "Sapete bene che Roma ha avuto un aumento di rifiuti di più del 10% rispetto all'anno scorso, un aumento considerevole per cui abbiamo bisogno di altri sbocchi che sono competenza della Regione". "Abbiamo tra l'altro gia' chiesto più di due mesi fa di autorizzare due impianti per il compostaggio dei rifiuti ma il presidente continua a dire 'cosa vuole fare il Comune di Roma?'. Abbiamo presentato delle richieste formali, se volesse iniziare a dare l'autorizzazione e la Via a quegli impianti noi potremmo già partire con i lavori e renderci un pezzetto più autonomi". 

"Sui rifiuti praticamente lavoriamo solo per Roma. Sulla Puglia, se ci sono stati ritardi, sono stati legati alla iniziale contrarietà dei 5Stelle pugliesi ad ospitare i rifiuti di Roma, posizione poi superata grazie al contributo di tutti, 5Stelle compresi". La risposta tecnica arriva dall'assessore di competenza, Massimiliano Valeriani: "Il sindaco di Roma, Virginia Raggi, continua a chiedere dove conferire i rifiuti della Capitale, mentre il sindaco della Città metropolitana di Roma, Virginia Raggi, non decide dove e quali impianti realizzare per soddisfare le esigenze dell'intero territorio provinciale". Poi aggiunge: "Sulle autorizzazioni per i due impianti di compostaggio richieste dall'Ama sono in corso le verifiche amministrative nel pieno rispetto delle tempistiche stabilite dalla legge. Sorprende, però, che questi progetti non siano ancora stati recepiti e inseriti nella mappatura delle aree e degli impianti elaborata dalla Città metropolitana di Roma".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti, il giorno dopo lo scontro tra Raggi-Zingaretti arriva l'ok per la Puglia

RomaToday è in caricamento