Rifugiati, Rocca (Fdi-An): "Fermare l’invasione di Roma"

"Qualcuno sta scambiando il principio di accoglienza con un'invasione legalizzata"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

Qualcuno sta scambiando il principio di accoglienza con un'invasione legalizzata, poiché i numeri degli arrivi previsti a Roma sono preoccupanti e la tensione in città è già alta.

Dichiara Federico Rocca responsabile enti locali Fratelli d'Italia - Alleanza Nazionale.

L'amministrazione di centro sinistra guidata da Marino ha espressamente chiesto al Ministero dell'Interno di derogare al tetto di arrivi, un giorno ci spiegherà anche il perché, garantendo tra città e provincia 2.581 posti più altri 516 in caso di necessità, distribuiti tra 49 strutture gestite dalle varie associazioni o cooperative.

Tanto per comprendere i geni di casa nostra a Torino gli arrivi saranno 233 arrivi, a Firenze, la città del Premier Renzi 65 a Milano 142.

Costo totale dell'operazione, 35 milioni 732mila euro all'anno per il triennio 2014, 2015 e 2016 che saranno stanziati dal Ministero mentre una quota, 7 milioni 234mila euro, li metterà Roma Capitale.

Dovrebbe far riflettere anche il fatto che tra Prefettura e Sprar si spenderanno 45 mln di euro all'anno solo per Roma, mentre poi ci viene detto che non ci sono soldi per garantire la sicurezza nella città, visti i continui tagli al comparto delle forze dell'ordine.

E' difficile spiegare tutto questo ai romani e agli italiani tartassati da Renzi e Marino. Difficile da spiegare a quelle famiglie che si sono viste ridurre i fondi per i servizi ai bambini con disabilità, difficile spiegarlo ai disoccupati, agli esodati, ai cassintegrati, a chi non riesce ad avere cure sanitarie o a pagarsi i farmaci, a chi non ha una casa e non sa come mantenere i propri figli. Difficile - prosegue Rocca - dirgli che la loro colpa è di essere italiani e che pertanto le nostre istituzioni non riescono a garantirgli una vita dignitosa ma che le stesse sono riuscite a trovare i soldi per dare accoglienza a tutti. Se l'Europa ha scaricato il problema immigrazione sull'Italia, il cui governo è incapace di alzare la voce, il Governo sta scaricando il problema su Roma poiché visti i numeri non c'è paragone se consideriamo anche i 3000 si vanno ad aggiungere ai 4000 già presenti.

Se i cittadini protestano e sono esasperati, hanno ragione e noi siamo dalla loro parte contro queste scelte folli che penalizzano i romani e per favore ci risparmiassero l'accusa di razzismo, qui si tratta di logica e buonsenso - conclude Rocca - basta guardate la situazione per capire dove ci hanno portato questi finti buonisti che hanno saputo solo buttare soldi al vento senza dar vita a delle reali politiche di prevenzione e controllo dei flussi migratori.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento