Mercoledì, 23 Giugno 2021
Politica

Cinema, arriva la riforma? Si pensa a un Centro e a un Fondo regionale

Il Consiglio regionale ha avviato l'iter di riforma del settore che prevede la nascita di un Centro e un Fondo regionale per unificare le risorse e fornire agli operatori un unico interlocutore

Il settore del cinema e dell'audiovisivo sta per essere riformato. Almeno nel Lazio. Il Consiglio regionale ha avviato l'esame della  proposta di legge "Interventi regionali per lo sviluppo del cinema e dell'audiovisivo". L'intento è quello di creare un Centro regionale e un Fondo regionale per unificare le risorse finanziarie, finora frammentate, e fornire agli operatori del settore un unico interlocutore con il quale potersi confrontare. "Questo provvedimento rappresenta una delle chiavi di volta della politica culturale della Giunta Polverini", ha detto l'assessore alla Cultura Fabiana Santini.

UNIFICARE LE RISORSE - L'assessore riconosce il "considerevole impegno" a favore del settore da parte della giunta Marrazzo, ma ciò che mancava era "una visione unitaria ed un interlocutore unico per gli operatori e cio' determinava un disordinato e dispendioso impiego delle risorse messe in campo. Lo spirito della legge, quindi, e' quello di superare la frammentazione degli interventi attraverso l'unificazione degli strumenti operativi e finanziari: nascono, infatti, un Centro regionale ed un Fondo regionale per il cinema e l'audiovisivo''.

IL CENTRO E IL FONDO REGIONALE - 'Il Centro sara' l'interlocutore in grado di fornire l'intera gamma di servizi e risposte agli operatori, mentre il Fondo sara' lo strumento di reale sostegno alle imprese che consentira' di abbattere il significativo gap di costi che oggi penalizza il Lazio, rappresentera' un incentivo per le societa' di produzione straniere a scegliere la nostra regione e favorira' la crescita del cinema indipendente''. Sarà poi redatto un piano anno per anno che, seguendo un più generale programma triennale, servirà a capire quali sono le priorità, i tempi, le modalità e criteri di concessione delle risorse. Il dibattito è ancora aperto, tanto che la seduta è stata aggiornata al prossimo 7 marzo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cinema, arriva la riforma? Si pensa a un Centro e a un Fondo regionale

RomaToday è in caricamento