Politica

Patto per Roma: differenziata al 65% entro il 2016 e post Malagrotta

Clini: “Stiamo cercando di evitare la sanzione europea". Riguardo al post Malagrotta il ministro dichiara: "Per il sito definitivo c'è il termine del 30 dicembre"

65% di raccolta differenziata entro il 2016 e la piena efficienza degli impianti di Trattamento meccanico biologico (Tmb): così si presenta il Patto per Roma definito dal ministro per l'ambiente come una risposta strutturale per affrontare l'emergenza rifiuti a Roma", una "risposta concreta alla commissione europea".
Il documento presentato alla presenza di Renata Polverini e di rappresentanti di Campidoglio e Provincia di Roma prevede un finanziamento da parte del ministero di 10 milioni di euro per tre anni finalizzato all'incremento della raccolta differenziata a Roma.

PATTO PER ROMA - Il ministro dell'ambiente ha poi dichiarato: “Stiamo cercando di evitare la sanzione europea. Uno dei punti principali dell'accordo è la piena funzionalità degli impianti per assicurare il trattamento dei rifiuti prima del conferimento in discarica. Sono molto soddisfatto perché in questo accordo ci sono impegni puntuali che coinvolgono tutti.”

Soddisfatta anche la governatrice del Lazio Renata Polverini che ha parlato di una "giornata di svolta importante per la gestione dei rifiuti della nostra Regione e soprattutto per Roma". Presenti anche in rappresentanza di Roma Capitale l'assessore all'Ambiente Marco Visconti, che ha parlato di una "giornata importante per la nostra città, per portare Roma al livello delle capitali europee sulla raccolta differenziata", e in rappresentanza della Provincia di Roma l'assessore alla Cultura Cecilia D'Elia". Tra le finalità del protocollo: "promuovere e sviluppare un sistema di raccolta differenziata che raggiunga il valore del 30% dei rifiuti urbani entro la fine del 2012, del 40% entro il 2013, del 50% entro il 2014, del 60% entro il 2015 e del 75% entro il 2016"; "definire un programma di lavoro 'sistema integrato'' 2012-2014 entro il 15 ottobre 2012 finalizzato al completamento impiantistico necessario per la chiusura del ciclo della gestione dei rifiuti"; "Adottare un programma di lavoro 'raccolta differenziata' 2012-2014 entro il 15 settembre 2012; "individuare entro il 31 dicembre 2012 il tipo e gli impianti di discarica di servizio per il conferimento a regime".

POST MALAGROTTA - Sul post Malagrotta ancora nulla di nuovo, permangono le certezze della proroga fino a dicembre: “Stiamo lavorando per l'individuazione della discarica provvisoria. Per quanto riguarda quella definitiva, non compete al commissario ma competerà alla Provincia, sentiti i Comuni interessati (Roma, Ciampino e Fiumicino, Ndr)". Lo afferma il commissario straordinario per l'emergenza rifiuti, Goffredo Sottile, a margine della presentazione del Patto di Roma. "Per il sito definitivo c'é il termine del 30 dicembre - ha spiegato Sottile - quello provvisorio lo sapremo prima".

Quindi spiega: "Sono due le procedure ancora in corso - ha detto Clini rispondendo alle domande dei cronisti sui siti delle nuove discariche - Se fossero state concluse avremmo scritto dove stanno i siti, non sono ancora concluse". Il ministro ha quindi sottolineato che l'individuazione delle aree per la discarica "si inseriscono all'interno del contesto" del Patto per Roma, che prevede il raggiungimento del 65% di differenziata entro il 2016 e la piena funzionalità di trattamento meccanico-biologico. "Come richiede la Commissione Europea - ha aggiunto - il sito della discarica è uno strumento di supporto alla gestione integrata dei rifiuti". Nel corso della conferenza la governatrice del Lazio, Renata Polverini, ha risposto ironicamente sui tempi per l'individuazione della discarica provvisoria. "Quando meno ve lo aspettate", ha detto. Al termine, il commissario per il superamento dell'emergenza Goffredo Sottile, interpellato sulla nuova discarica, ha risposto: "Il nome della discarica, ho già risposto, non me lo ricordo...".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Patto per Roma: differenziata al 65% entro il 2016 e post Malagrotta

RomaToday è in caricamento