Rifiuti, i romani segnalano l'emergenza: ecco la mappa della spazzatura in strada

Segnalazioni da tutti i quartieri. Roma è di nuovo in affanno, ma la sindaca pensa solo agli "zozzoni"

Rifiuti in viale Alessandrino

Chi sulle narrazioni punta, dalle contro narrazioni (che sono la realtà) finisce sommerso. Così, mentre Virginia Raggi punta tutto sulla lotta, doverosa, agli "zozzoni" esortando i cittadini a segnalare all'amministrazione con foto e video chi abbandona mobili e materassi fuori dai secchioni, le strade della Capitale si riempiono di immondizia e le testimonianze dei romani rimbalzano sul web. Queste però non sembrano incontrare la stessa attenzione da parte della sindaca. 

Cassonetti che traboccano di sacchetti non raccolti con annessi odori nauseabondi che appestano quartieri interi da almeno 48 ore. E sullo sfondo i fattori del disastro che si ripetono: un bando per il conferimento fuori Roma da 188 milioni di euro andato deserto, gli impianti Tmb al collasso, le proteste del III municipio per la puzza insopportabile proveniente da quello del Salario, ma anche a Rocca Cencia, sede dell'altro impianto di proprietà di Ama, la situazione non è migliore.

Sullo sfondo lo scontro tra azienda dei rifiuti e Campidoglio per l'approvazione del bilancio aziendale bloccato da aprile, la protesta dei sindacati in programma per il 28 settembre. E il passaggio di camion e squaletti che si fa sempre più rado. Il risultato è nelle foto che potete scorrere nella gallery subito sotto. Ci risiamo insomma. Siamo alla milionesima crisi dei rifiuti.

Le mail della redazione sono intasate di segnalazioni. Da Magliana a Ponte di Nona, passando per Montesacro e Talenti. E ancora al Trionfale, a Borghesiana, e al Fleming. Montagne di indifferenziato accatastato sui marciapiedi, con topi e gabbiani al seguito in un eterno, degradante, banchetto. I romani, specie i tanti "civili" che puntuali pagano la Tari e gettano gli scarti nei cassonetti confidando nella regolarità della raccolta, non ce la fanno più. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un gruppo di residenti a Ponte di Nona ha bloccato la strada con un muro di rifiuti per protesta. A San Lorenzo c'è chi ha sfogato la rabbia lanciando uova contro i netturbini, l'ultimo anello di una catena che non funziona. In XV municipio, Roma nord, il gruppo Pd ha chiesto un consiglio straordinario: "Siamo sommersi da segnalazioni". Per i territori di VII e VIII municipio la deputata Patrizia Prestipino ha presentato un esposto per denunciare le condizioni aberranti di strade e piazze. "E' un emergenza igienico sanitaria". Già, perché è vero che ci sono gli "zozzoni" che se ne infischiano del bene pubblico. E punirli è sacrosanto. Ma qui di "zozzo" c'è una città intera.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Roma, la mappa del contagio di ottobre: 47 quartieri con più di cento casi

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • La marcia 'nera' su Roma, l'ultra destra sfida il coprifuoco. La Questura: "Nessun preavviso per il corteo"

  • Paura a Gregorio VII, a fuoco un autobus: esplosioni e colonna di fumo nero sulla zona

  • Coprifuoco a Roma e nel Lazio, ecco l'ordinanza: autocertificazione per spostamenti da mezzanotte alle 5

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento