Politica

Rifiuti, salti mortali di Ama: "Raccolte 3.700 tonnellate". Poi l'appello: "Non lasciate sacchetti in strada"

Task force di pulizia in tutta la città per rientrare il prima possibile alla normalità. Le criticità sono ancora presenti in diverse quartieri e l'azienda si rivolge ai cittadini: "Non lasciate sacchetti fuori dai cassonetti"

Turni rafforzati del 25 per cento, con già 3.700 tonnellate di immondizia raccolte in 24 ore e interventi speciali nel quadrante di Roma est, il più colpito dall'emergenza. Le schermaglie politiche tra Comune e Regione non si placano, l'immondizia di Roma finisce sul New York TimesAma è costretta "ai lavori forzati" per ripulire la città, nell'attesa di capire quali impianti, in altre città, possono ospitare i rifiuti capitolini. 

"Attività a ciclo continuo di svuotamento dei cassonetti stradali e di pulizia nel quadrante Roma Est e nelle aree residue che, a macchia di leopardo, presentano tuttora criticità" spiegano dall'azienda in un lungo comunicato stampa. "Turni operativi (mattina, pomeriggio, notte e seminotte aggiuntivo, là dove necessario) rafforzati del 25% con lavoro straordinario; una task force di uomini e mezzi, coordinati dai preposti addetti al monitoraggio, per interventi mirati ad evitare l’eventuale accumulo di rifiuti in terra". Queste le principali azioni messe in campo in queste ore. 
 
Con i seguenti risultati: "Nelle ultime 24 ore Ama ha svuotato oltre 61.000 cassonetti, ripulito 15.476 postazioni dove erano presenti materiali misti, assicurato i giri della raccolta stradale e, là dove previsto, il prelievo dei materiali porta a porta. Sono state oltre 3.700 le tonnellate di rifiuti indifferenziati raccolti e avviati a trattamento: circa 1.000 tonnellate in più rispetto alla media consueta, segno del grande sforzo che l’azienda sta compiendo. Per garantire il corretto trattamento e la veloce “uscita” dei materiali trattati, sono inoltre in vigore, in via straordinaria, turni che coprono anche la notte negli impianti TMB di via Salaria e Rocca Cencia. In tutto sono al lavoro oltre 4.000 uomini (operatori ecologici ed autisti) con 1.800 mezzi, leggeri e pesanti".
 
Mentre gli impianti Tmb dell'azienda, Rocca Cencia e Salario, lavorano h24, "per trattare maggiori quantitativi ed evacuare velocemente i materiali accumulati nelle fosse a causa del deficit di ricezione degli impianti privati (quelli di proprietà di Cerroni, ndr) che si è protratto per circa due mesi". 

L’obiettivo finale è rendere, progressivamente, più veloci gli scarichi negli impianti consentendo così ai compattatori di tornare in strada nel minor tempo possibile. "Già da ieri, è stata garantita una maggiore disponibilità dei mezzi adibiti alla vuotatura dei contenitori stradali consentendo così di recuperare i giri di raccolta che non era stato possibile completare. Per alleggerire le criticità residue, il personale Ama sta intervenendo con mezzi di supporto piccoli e grandi. Questa mattina e nelle prime ore di oggi pomeriggio, mezzi speciali sono stati utilizzati a Cinecittà est (VII municipio), Tor Bella Monaca (VI municipio) e San Basilio (V municipio). L’azienda, nello scusarsi per gli eventuali disagi, invita i cittadini a non abbandonare sacchetti di rifiuti accanto ai cassonetti nel caso in cui non siano ancora stati svuotati. Per eventuali segnalazioni è possibile contattare 24 ore su 24 la centrale operativa Ama ai numeri 0651693339/3340/3341".


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti, salti mortali di Ama: "Raccolte 3.700 tonnellate". Poi l'appello: "Non lasciate sacchetti in strada"

RomaToday è in caricamento