Politica Malagrotta

Rifiuti, Alemanno chiede una nuova proroga per Malagrotta: cittadini pronti alla lotta

Dopo quelle del 2009 e del 2010 il sindaco chiede una nuova proroga per la mega discarica. Confermata l'indiscrezione di una nuova discarica a Riano

Il Sindaco Gianni Alemanno nel corso dell'audizione della commissione parlamentare d'inchiesta sui rifiuti ha chiesto la discarica di Malagrotta rimanga in funzione anche per il 2011. E' la terza proroga richiesta dal sindaco dopo quella del 2009 e del 2010 richieste alla giunta Marrazzo.

Secondo Alemanno "il gassificatore di Malagrotta e quello in costruzione di Albano non sono sufficienti a creare un'alternativa a Malagrotta. La discarica che doveva essere chiusa da anni è stata prorogata di anno in anno, e credo sia necessaria un'ulteriore proroga al 2011. E' sopportabile, c'é ancora margine, ma siamo ai limiti massimi ed è necessario che si definisca un impianto alternativo".

SITI ALTERNATIVI - Il sindaco ha confermato il progetto fatto trapelare da Manlio Cerroni, patron di Malagrotta, di un impianto di smaltimento nell'ex cave di Riano. Esclusa invece l'ipotesi di Monti dell'Ortaccio la cui scelta secondo Alemanno potrebbe provocare una sollevazione popolare.

I CITTADINI DI MALAGROTTA - Non si è fatta attendere la replica degli abitanti di Malagrotta.
"Continuare a parlare di proroghe per la discarica di Malagrotta è come continuare a parlare di condoni sul piano nazionale: è la debacle totale di un'amministrazione e di un modo di governare. Non si sa che cosa fare e si lascia carta bianca ai monopoli e agli oligopoli. Ma l'ira della gente finirà per farsi sentire", dichiara in una nota il presidente del comitato Malagrotta Sergio Apollonio.

"Sono almeno cinque anni che la discarica deve essere chiusa una volta per tutte", continua. "E' un mostro ecologico a livello europeo e mondiale: da 50 a 60 milioni di tonnellate di rifiuti romani sono stati interrati a Malagrotta, come dire due volte la produzione nazionale italiana di rifiuti solidi urbani. Noi chiediamo al sindaco di Roma una cosa sola di soprassedere al suo attuale orientamento fondamentalmente inceneritorista".
- Alemanno ha però annunciato che i cittadini di Malagrotta saranno ascoltati: "Appena avremo un confronto chiaro con la Regione andremo a Malagrotta per confrontarci con la popolazione per dare certezze da questo punto di vista".
LA REPLICA DEL SINDACO - Alemanno ha però annunciato che i cittadini di Malagrotta saranno ascoltati: "Appena avremo un confronto chiaro con la Regione andremo a Malagrotta per confrontarci con la popolazione per dare certezze da questo punto di vista".


Alemanno ha parlato del rapporto con la Regione Lazio per l'emergenza rifiuti: "Con la precedente amministrazione regionale per anni non siamo riusciti a definire un'alternativa a Malagrotta. Lo stesso impianto di Albano ha dei problemi perché c'é un'opposizione al Tar e una resistenza da parte dei territori. Urgentemente quindi dobbiamo fare un nuovo impianto ma è impensabile che questo impianto sia completato nel 2010".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti, Alemanno chiede una nuova proroga per Malagrotta: cittadini pronti alla lotta

RomaToday è in caricamento