Campidoglio e Rialto, riparte il dialogo “per dare continuità alle attività socio-culturali”

Dopo l'occupazione dello spazio di via Sant'Ambrogio, riprende il dialogo tra il Campodoglio ed il Rialto. Ass.Mazzillo: "Vogliamo trovare soluzioni nel pieno rispetto della legalità"

E’ ripartito il dialogo tra il Campidoglio e le tante associazioni presenti all’interno del Rialto. Dopo la nuova occupazione, avvenuta nella mattinata di venerdì 24 febbraio, il Comune ha deciso di ripristinare il confronto.

IL CONFRONTO- Venerdì “in Campidoglio è stato avviato un tavolo tra l'amministrazione capitolina e le associazioni che operavano negli spazi del Rialto, ovvero nell'immobile di proprietà comunale sgomberato la settimana scorsa in via Sant’Ambrogio – fa sapere Roma Capitale con una nota –   Alla riunione hanno partecipato l'assessore al Bilancio e Patrimonio, Andrea Mazzillo, componenti dello staff dell’Assessorato alla Persona, Scuola e Comunità solidale e una delegazione delle stesse associazioni. Lunedì si terrà un ulteriore incontro per approfondire le questioni tecnico-giuridiche che consentano di giungere a una soluzione condivisa”. 

IL PROSSIMO INCONTRO - La conferma dell’appuntamento arriva dal Rialto stesso.  “È stato istituito un tavolo che si riunirà nuovamente lunedì 27 alle ore 10.00 presso il Dipartimento stesso – conferma sulla propria pagina facebook il Rialto – con l'obiettivo di individuare nell'immediato una soluzione per garantire la continuità delle attività che hanno animato il Rialto in questi ultimi anni . Attività che sono già ripartite da questa mattina e che proseguiranno nei locali liberati fino a quando non sarà individuata una soluzione alternativa”. 

LA VITTORIA - L’avvio di questo tavolo è considerato dagli attivisti dello storico locali del Ghetto “Una vittoria di tutta la città e non solo, dato che da questo spazio partono battaglie nazionali come quella per l'acqua pubblica, per la difesa della costituzione e per la cultura indipendente. Una vittoria di tutte e tutti coloro che oggi hanno condiviso una lunga giornata di lotta e democrazia”. L’assessore Mazzillo, dal canto suo annuncia che “faremo una ricognizione di tutte le ipotesi percorribili, per giungere a una soluzione nel pieno rispetto della legalità. Continueremo a lavorare affinché queste realtà possano dare continuità alle importantissime attività socio-culturali di interesse pubblico che svolgono a vantaggio della città”.

IL QUADRO - L'occupazione del Rialto era arrivata dopo una nota con la quale, l'amministrazione capitolina, aveva annunciato una nuova iniziativa della Giunta. Un atto col quale andare ad  “integrare la delibera 140 sulle linee guida per il riordino del patrimonio indisponibile in concessione”. Il documento approvato però, stabilisce soltanto una priorità d'interventi negli sgomberi e quindi, nella sostanza, mantiene inalterato il dispositivo della famigerata delibera 140. Al netto del  "deludente incontro" seguito allo sgombero del 16 febbraio, e della nota diffusa sulla nuova delibera di Giunta, è arrivata l'occupazione. A cui è seguita la volontà di far ripartire il confronto. Prossimo appuntamento, lunedì 27 febbraio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Lazio zona arancione? Oggi la decisione

  • Coronavirus, nel Lazio chiusi negozi e supermercati alle 21: la nuova ordinanza della Regione

  • Centro commerciale Maximo di Roma: ecco quali sono i negozi presenti all'interno

  • Coronavirus Roma, Matteo si fa ricoverare insieme allo zio down positivo al Covid: "Non potevo lasciarlo solo"

  • Coronavirus, a Roma 1305 nuovi casi. Nel Lazio 80 morti nelle ultime 24 ore. I dati del 18 novembre

  • Sciopero trasporti mercoledì 25 novembre: a rischio metro, bus, treni e pullman Cotral

Torna su
RomaToday è in caricamento