menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sassat, Castiglione chiede agli uffici di applicare la mozione: "Verificare errori su documentazione esclusi"

Una quarantina di residenti dei Caat si è presentata questa mattina presso l'assessorato

Procedere alla verifica di "eventuali errori nella documentazione" presentata dalle 533 famiglie rimaste escluse per vizi formali dal nuovo servizio di assistenza alloggiativa temporanea del Comune di Roma. La direttiva è stata mandata ieri agli uffici del dipartimento Patrimonio e Politiche abitative da parte dell’assessora Rosalba Castiglione, con l'intento di raccogliere quanto richiesto dalla mozione approvata all’unanimità dall’Assemblea Capitolina il 14 febbraio scorso. Lo stato della procedura, hanno fatto sapere con una nota, è stata al centro di un incontro che si è tenuto questa mattina tra lo staff dell’assessora Castiglione e una delegazione di abitanti dei residence al quale era presente anche il sindacato Unione Inquilini.

Proprio questa mattina una quarantina di residenti nei centri di assistenza alloggiativa, cartelline con i documenti alla mano, si è presentata presso gli uffici aperti al pubblico di piazza Giovanni da Verrazzano per chiedere di poter integrare i documenti presentati e vedersi riaprire la possibilità di essere ammessi. Tra loro anche Rodolfo, giovane padre di due bambini, escluso per non aver tracciato una ‘x’ alla voce che prevedeva l’accettazione di un percorso con gli assistenti sociali, ritenuto obbligatorio. Lo stesso errore per la quale rischia di restare senza alloggio Nadia, che vive con la pensione di invalidità della figlia disabile di 11 anni. E ancora Zahia, esclusa per non aver inserito il figlio nel reddito Isee nonostante, per due anni, “mio figlio non ha potuto abitare con me”. Presente anche Gina, la cui storia è stata raccontata da Romatoday, esclusa dal Sassat in quanto destinataria di una revoca scattata per aver mandato il figlio in vacanza dai nonni. Il suo caso, però, finirà al tribunale amministrativo.

Di fronte a questo gruppo di persone è stato richiesto l’intervento della polizia: l’ingresso dell’ufficio pubblico è stato infatti regolato per un paio di ore da un gruppo di agenti di polizia a supporto del funzionario comunale. Nonostante l’indicazione sia stata trasmessa ieri dall’assessorato, come ha potuto verificare Romatoday, presente allo sportello insieme agli inquilini, questa mattina i dipendenti pubblici preposti hanno spiegato alle persone che hanno fatto richiesta di integrazione della domanda di non essere a conoscenza della procedura ma di poter solamente procedere con il protocollo di nuovi documenti depositati dagli interessati. 

“Continueremo a vigilare per verificare l’applicazione della direttiva seguita alla mozione” il commento di Silvia Paoluzzi di Unione Inquilini. “Nei prossimi giorni capiremo come e in quali termini verranno presi in considerazione le richieste di queste persone”.

Insieme agli inquilini anche il consigliere di Sinistra per Roma, Stefano Fassina: “Sono qui per sollecitare l’applicazione di quanto richiesto dalla mozione che impegnava la sindaca e la giunta a riesaminare le numerose domande respinte per vizi di natura formale” ha spiegato. “È inaccettabile che oltre 500 famiglie siano rimaste escluse per questo motivo. Non vorremmo sia legato al fatto che non sono state individuate abitazioni alternative per tutti”.  

L’assessora Castiglione, con una nota, ha inoltre spiegato: “Il nuovo servizio Sassat prevede, oltre all’accoglienza in un’abitazione, anche l’inserimento di ogni nucleo familiare avente diritto all’assistenza alloggiativa temporanea all’interno di un imprescindibile percorso di sostegno ed accompagnamento teso al raggiungimento dell’autonomia. Per i nuclei familiari non aventi diritto al servizio di assistenza alloggiativa temporanea è stato messo a disposizione il Buono Casa, un contributo erogato dal Comune per sostenere le famiglie nell’affitto”.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento