rotate-mobile
Mercoledì, 29 Maggio 2024
Politica Appio Claudio / Via Lemonia

“Pic nic sì, rifiuti no”: le regole per la Pasquetta nei parchi dell'Appia Antica

Mario Tozzi, il presidente dell'ente parco, ha firmato l'ordinanza in previsione delle feste. Fissa le regole per accendere i barbecue e per lasciare le aree verdi in condizioni decorose

Barbecue sì, ma a determinate condizioni. E niente rifiuti all’interno delle aree verdi. Mario Tozzi, il presidente dell’ente parco dell’Appia Antica, ha firmato un’ordinanza che fisse le regole, ed i divieti, che bisogna rispettare per trascorrere le festività primaverili nelle quattro aree verdi della “Regina viarum”: il parco degli Acquedotti, quello di Tor Fiscale, la valle della Caffarella ed il parco di Tor Marancia.

La tradizionale scampagnata

A partire dalla giornata di Pasquetta, quest’anno è lunedì 10 aprile, tradizionalmente i romani che restano in città si riversano nei polmoni verdi della Capitale. Una giornata di convivialità, replicata il 25 aprile ed il primo maggio, che decine di migliaia di persone amano trascorrere a contatto con la natura. Ma le aree in questione, preziose per l’apporto di verde che forniscono alla città, vanno anche preservate da comportamenti che rischiano di minacciarne il delicato equilibrio.

Come fare i barbecue

Per facilitare la convivenza di tanti cittadini con aree di pregio naturalistico ed archeologico, è stata diramata un’apposita ordinanza. Fissa ad esempio le regole da seguire per accendere i barbecue nel parco degli Acquedotti che, dal lunedì dell’Angelo al primo maggio, diventa la meta preferita delle grigliate dei romani. Nell’area verde la premessa è che i barbecue sono sempre vietati. Ma “esclusivamente in occasione delle festività” citate, è consentito farne. A patto che siano rialzati da terra di almeno 30 centimetri e che vengano accesi ad una distanza minima di 10 metri dai monumenti e dalle chiome degli alberi.

Chi accende un barbecue un fuoco deve inoltre “munirsi di sufficiente quantità d’acqua per spegnerli” e deve soffocare le braci una volta completata la cottura. Vale la pena ricordare che è prevista una sanzione tra i 150 ed i 500 euro per chi introduce nei sacchetti o nei cassonetti per i rifiuti del materiale in combustione oppure che non sia ancora completamente spento. 

Le altre regole da rispettare

Non bisogna prestare attenzione soltanto a dove si decide di effettuare la grigliata che, peraltro, nel parco della Caffarella è autorizzata soltanto nell’area segnalata ed accessibile da via De Bildt. L’ordinanza vieta anche di usare gli alberi come tavoli; prescrive il divieto di arrampicata sui monumenti e sulle "emergenze archeologiche"; dispone di “lasciare tutto pulito” dopo il pic-nic e, aspetto molto importante, dispone di portare i rifiuti fuori dal parco. Anche perché, all’interno, i contenitori sono da tempo stati rimossi.

I rifiuti vanno conferiti fuori

Per facilitare la riuscita del piano che il parco ha predisposto con il Campidoglio ed i municipi coinvolti è prevista la presenza dei cosiddetti “Volontari della bellezza”. Si troveranno agli ingressi delle aree verdi e saranno impegnati nella distribuzione di buste per i rifiuti e mappe per  localizzare i cassonetti. Durante la giornata sensibilizzeranno inoltre tutti i presenti al rispetto delle regole. 

Dove sono i cestini nei quattro parchi dell'Appia Antica

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Pic nic sì, rifiuti no”: le regole per la Pasquetta nei parchi dell'Appia Antica

RomaToday è in caricamento