Pittori di strada, arriva il nuovo regolamento: ok dell'Aula alla "prova d'artista"

L'Assemblea capitolina approva la proposta della Commissione commercio. Coia: "Finalmente un regolamento serio che ci darà la garanzia di avere pittori veri"

Ritrattista piazza Navona

Premia i veri pittori, permette ai municipi di identificare le aree per le attività, e seleziona sì per titoli e curriculum ma anche e soprattutto tramite la cosiddetta "prova d'artista" vagliata da una commissione esaminatrice ad hoc. E' in sintesi il nuovo regolamento per lo svolgimento di attività di pittore, ritrattista, caricaturista, su suolo pubblico, contenuto nella proposta n.13/2017 a firma dei consiglieri M5S Coia e Guadagno approvata ieri in Assemblea capitolina.

"Con questa delibera si rappresenta l'occasione di animare le strade di tutta Roma - ha dichiarato nel corso dell'Assemblea Eleonora Guadagno, presidente della Commissione Capitolina Cultura - creando nuove opportunità per promuovere la vita culturale ed artistica della città. Ci siamo spesi - ha continuato la consigliera - affinché questa delibera cercasse di garantire la qualità delle opere grazie alla prova d'artista. Le strade di Roma potranno trasformarsi in un museo a cielo aperto in cui si vedranno solo opere originali. Si presenta inoltre l'opportunità di ricucire lo strappo culturale che insiste tra periferia e centro storico. Tutti i Municipi vengono chiamati responsabilmente ad indicare le aree di esercizio dell'attività: con l'occasione si potranno sanare zone critiche, come quelle in cui esiste il commercio abusivo, che verrà contrastato dalla presenza delle nuove postazioni degli artisti".  

"VOGLIAMO I VAN GOGH NON TITOLI E DIPLOMI"

"Finalmente la famosa deliberazione, che le opposizioni attendevano da tempo - ha aggiunto Andrea Coia, Presidente della Commissione Capitolina Commercio -  arriva. Lo dico ironicamente ma questo è un regolamento serio, strutturato che ha il fine sia di assicurare lavoro sia di portare la cultura in tutti i Municipi della città. Viene definito chiaramente che coloro che accederanno ai posteggi indicati dai Municipi saranno veri pittori. La prova d'artista è fondamentale per noi: oltre a costituire la parte fondamentale del punteggio, è previsto anche un punteggio di sbarramento. Questo significa che se non raggiunge la sufficienza l'artista non può andare avanti. Per noi questo sarà la garanzia di avere veri pittori che saranno messaggeri di cultura nelle piazze".

"Per redigere questo regolamento - ha affermato ancora Coia - abbiamo interloquito con molti cittadini e con molti artisti. Alcuni sono stati ingiustamente esclusi, per questo abbiamo già chiesto controlli sulle postazioni attuali. Molti artisti presentano i requisiti di anzianità ma riteniamo che questo non sia un criterio che debba essere preponderante ma un criterio minore perché le capacità artistiche devono prevalere per poter rappresentare un bel momento per i turisti che visitano la città e per gli stessi cittadini che passeggiano per le vie dei Municipi e del Centro Storico".


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Lazio zona arancione? Oggi la decisione

  • Vigili nella bufera, Raggi guarda Report e decide di ruotare gli agenti. In bilico il comandante Napoli

  • Coronavirus, nel Lazio chiusi negozi e supermercati alle 21: la nuova ordinanza della Regione

  • Centro commerciale Maximo di Roma: ecco quali sono i negozi presenti all'interno

  • Tamponi in farmacia a Roma e nel Lazio: dove farli. L'elenco completo e gli indirizzi

  • Vigili fanno sesso in auto a Roma, la commedia sexy si tinge di giallo: spunta l'ipotesi della microspia

Torna su
RomaToday è in caricamento